Consigli per realizzare un prato inglese

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Un prato verde e rigoglioso, come quello inglese, in giardino non possiede solamente un valore estetico. Possiamo definire questo manto erboso il polmone verde della nostra casa: la nostra fonte di ossigeno. Nei mesi più caldi, inoltre, garantisce un lieve abbassamento della temperatura esterna. Queste sono alcune valide motivazioni per spingerci a realizzare un prato inglese nel giardino, al posto di un'area completamente pavimentata. Ecco alcuni consigli utili per realizzare un prato inglese.

27

Scegliere con criterio la miscela di semi giusta

Per realizzare un prato inglese, scegliamo la miscela di semi in base al clima della località ed il terreno. Se non siamo in grado di farlo, consultiamo un esperto di giardinaggio. La scelta dei semi va fatta anche in base al tipo di prato inglese che si vuole realizzare. La miscela tradizionale del prato inglese non è adatta al clima mediterraneo. Optiamo allora per altre specie erbacee perenni, considerando però che il risultato è meno compatto ed uniforme.

37

Seminare in primavera o in autunno

Il periodo di semina è un altro fattore da considerare per realizzare un prato inglese. Le stagioni migliori sono la primavera e l'autunno, in cui la temperatura è mite ed il terreno ha la giusta umidità. Questo non significa che non possiamo seminare il prato in estate ed in inverno. Nel primo caso dovremo irrigare maggiormente il terreno. Nel secondo pianteremo i semi più in profondità, dato che arriveranno in superficie in primavera.

Continua la lettura
47

Liberare il terreno dalle erbe infestanti

Questo è uno dei consigli da seguire alla lettera. Per realizzare un prato inglese bisogna estirpare tutte le erbe infestanti e rimuovere anche eventuali semi. Per fare ciò dobbiamo smuovere il terreno. Nel caso ci accorgessimo di erbe e pianti infestanti difficili da togliere, ricorriamo all'impiego di diserbanti. Si tratta di un intervento invasivo, ma l'unico efficace in questi casi estremi.

57

Fertilizzare il terreno

Una volta smosso il terreno, approfittiamone per rendere il terreno più fertile. Questo è l'unico modo per ottenere un prato inglese rigoglioso, verde, durevole nel tempo e resistente. Possiamo scegliere tra i fertilizzanti organici e chimici, il risultato non cambia. Grazie a queste sostanze il terreno si arricchisce di nutrienti.

67

Impiantare una rete d'irrigazione automatica sotteranea

La rete d'irrigazione deve essere sempre presente in un giardino, indipendentemente dal tipo di prato desiderato. L'acqua è il principale nutrimento, oltre ai nutrienti presenti nel terreno. Diventa fondamentale soprattutto in estate, quando l'assenza della pioggia potrebbe seccare il prato. L'installazione della rete d'irrigazione automatica sotterranea va fatta precedentemente alla semina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come realizzare un prato in giardino

Possedere un bel prato rigoglioso nel proprio giardino è da sempre il sogno di qualsiasi amante della natura. Non c'è nulla di meglio della propria oasi personale per far giocare i bambini in sicurezza oppure rilassarsi all'ombra nelle giornate primaverili...
Giardinaggio

5 consigli per mantenere il prato in autunno

La stagione autunnale è quella più indicata per riportare il terreno alle condizioni ideali, per farlo riprendere dallo stress estivo e per prepararlo all'inverno nel migliore dei modi. Con il riscaldamento del terreno dovuto alle temperature dell'estate,...
Giardinaggio

5 consigli per la cura del prato in primavera

L'inverno sembra non abbandonare la sua stretta morsa, ma in molti si è già proiettati verso l'arrivo della tanto attesa primavera. I colori, i profumi, i germogli che spuntano delle piante che abbiamo cercato di preservare dal freddo, la voglia di...
Giardinaggio

Come Realizzare Un giardino Inglese

Caratterizzato da elementi naturali e artificiali, quali ruscelli, laghetti, grotte, alberi secolari, cespugli, escludendo elementi geometrici o troppo definiti, il giardino Inglese si è sviluppato nel corso 1700, se pur alcune volte in versione selvaggia...
Giardinaggio

Come Preparare Il Prato In Inverno

Se nel vostro giardino avete un prato ed intendete prepararlo adeguatamente specie per il periodo invernale, potete farlo seguendo delle specifiche linee guida che alla fine vi consentiranno di ottenerlo in tipico stile inglese, ovvero ai limiti della...
Giardinaggio

Come tosare il prato

Saper tosare il prato è una capacità molto importante per chi ha intenzione di iniziare ad abbellire la zona verde della propria abitazione. Tale operazione viene spesso sottovalutata ma in realtà deve essere ben pianificata a monte dell'intervento:...
Giardinaggio

Come impiantare un prato erboso a rotoli

Se desiderate avere al più presto un bel prato verde, ma non avete alcuna intenzione di attendere che i semi germoglino, mettete direttamente a dimora i tappeti erbosi. In meno di una giornata, infatti, il vostro bel prato sarà impiantato e il vostro...
Giardinaggio

Come evitare le malattie del prato

Un bel prato, verde e rigoglioso, è senza dubbio un segno distintivo per un giardino curato e gradevole. Avere un prato sano e bello può richiedere, però, una manutenzione costante ed intensa. Il prato, infatti, rischia talvolta di manifestare i sintomi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.