Consigli per rimuovere la finitura in lacca dai mobili

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se avete un vecchio mobile a cui tenete molto ma volete rinnovare una o più stanze della vostra casa, sappiate che non c'è bisogno di buttarlo e comprarne uno nuovo. Se utilizzate gli strumenti giusti e avete un po' di pazienza infatti un vecchio mobile può essere completamente restaurato e rinnovato. Prima di passare al legno o al materiale di cui è fatto il vostro mobile, dovrete prima rimuovere la sua finitura, ovvero il rivestimento in lacca che la maggior parte dei mobili presenta sulla superficie superiore. Ecco quindi per voi un'utile guida con alcuni consigli per rimuovere la finitura in lacca dai mobili.  

26

Verificare preventivamente il tipo di laccatura

Il primo consiglio per rimuovere la finitura in lacca dai mobili è quello di verificare preventivamente di che tipo di laccatura di tratta. Alcuni mobili molto antichi infatti presentano la superficie rivestita con gommalacca, altri sono lucidati con speciali resine e altri ancora con prodotti di verniciatura più moderni. Prima di procedere alla rimozione, è opportuno verificare con un batuffolo di cotone imbevuto se il prodotto prescelto sembra fare il suo effetto.

36

Utilizzare un prodotto adeguato

Naturalmente ogni tipo di finitura in lacca, a seconda del prodotto con cui fu realizzata in passato, necessita di un solvente specifico per essere rimossa. Per questo è importante fare sempre una prova preventiva. Se la gommalacca si rimuove ad esempio con dell'alcol denaturato, per altri tipi di laccatura possono essere necessari solventi più specifici o ossigeno diluito con soda.

Continua la lettura
46

Proteggere mani e occhi

Tra i consigli per rimuovere la finitura in lacca dai mobili c'è quello di utilizzare sempre degli strumenti protettivi. In particolare ricordate di proteggere mani e occhi, perché alcuni prodotti che utilizzerete potrebbero anche essere tossici.

56

Utilizzare una spugna in acciaio

Quando avrete verificato il prodotto da utilizzare, potrete procedere materialmente alla rimozione della finitura in lacca dal mobile. Lo strumento più adatto è una spugnetta in acciaio, abbastanza rigida anche per rimuovere le incrostazioni più difficili. Se il mobile è molto grande potrebbero volerci anche diverse ore: suddividete il lavoro in più fasi, per evitare di stancarvi troppo.

66

Carteggiare la superficie del mobile

Una volta che avrete rimosso la finitura in lacca dal mobile, il vostro compito non sarà ancora concluso: dovrete procedere a carteggiare la superficie del mobile stesso, per uniformarla e renderla tutta liscia allo stesso modo. Scegliete una carta vetrata dalla grana più fine o più grossa, a seconda della delicatezza della superficie da trattare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Mobili in cartongesso: consigli di manutenzione

Se in casa abbiamo optato per la realizzazione di mobili e scaffalature con il cartongesso, è importante sottolineare che ci sono alcuni interventi periodici per la loro corretta manutenzione. Il cartongesso infatti, specie se non tinteggiato a dovere...
Bricolage

Come Utilizzare La Lacca Anticante

Esistono in commercio, molti prodotti, particolarmente adatti a eseguire una finitura anticante su una superficie decorata con colori acrilici, o anche arricchita da un'applicazione di decoupage. In particolare, in questa guida vedremo come fare per riuscire...
Bricolage

Come realizzare la finitura a cera del legno

Generalmente la cera in pasta viene utilizzata per proteggere e rendere più bello il legno. Per secoli la cera d'api veniva impiegata per le rifiniture, prima che arrivassero le finiture moderne. La finitura a cera rende meravigliose le superfici in...
Bricolage

Come fare il craquelè di finitura

Se siete amanti del bricolage e dei lavori manuali, dovete per forza provare la tecnica del craquelè di finitura. Basta con il solito Découpage! O meglio, sì al decoupage, ma decorato con la tecnica del craquelè di finitura! Apritevi a nuovi orizzonti...
Bricolage

Come restaurare un mobile con la gomma lacca

Se possediamo un mobile antico e abbiamo il desiderio di rimetterlo a nuovo e di restaurarlo, ripristinandolo in tutte le sue caratteristiche originali, possiamo intervenire utilizzando alcune tecniche di lavorazione e, soprattutto, dei prodotti particolari...
Bricolage

Come marmorizzare un oggetto con la lacca cristallo

Lavorare un oggetto con la Lacca Cristallo, può essere un lavoro molto piacevole soprattutto per i più esperti in "materia", dato che la sua manipolazione è molto particolare; si possono ottenere effetti veramente sorprendenti, se il suo uso viene...
Bricolage

Come fare i sigilli cera lacca

La cera lacca era e lo è ancora oggi, un materiale molto utilizzato per fare i sigilli; infatti, come in passato i nobili in genere, ma soprattutto Re e Papi, usavano questo composto per imprimere il proprio marchio sulle pergamene, oggi si usa principalmente...
Bricolage

Come effetture la finitura a buccia d'arancia

La finitura a buccia d'arancia, detta anche "a fondo ruvido", consiste nell'applicazione di una particolare miscela di tinta, mischiata a una colla vinilica molto plastica. La miscela può essere applicata con una specifica macchina per finiture, oppure...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.