Cosa fare dopo un innesto

Tramite: O2O 30/04/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'innesto è una pratica agronomica che si realizza mediante la fusione di due elementi della pianta differenti tra loro. Questi elementi, che sono chiamati portinnesto e nesto, vengono saldati fino a determinare la nascita e la crescita di un'unica pianta. In questa guida vi spiegheremo quali operazioni svolgere dopo aver portato a termine un innesto. Ecco quindi, nel dettaglio, cosa fare dopo un innesto.

27

Verificare l'attecchimento

Dopo aver ultimato quel particolare processo che va sotto il nome di innesto, il vostro lavoro sulla pianta non può tuttavia dirsi concluso. La buona riuscita di un innesto dipende infatti dal modo in cui tale innesto viene trattato nei momenti immediatamente successivi alla sua ultimazione. Per affermare quindi che un innesto sia andato a buon fine, occorre pertanto che vengano favorite una serie di condizioni di attecchimento della pianta. Quali? Innanzitutto è necessario rispettare la polarità dei due elementi, con la marza che non dovrà essere girata rispetto alla sua collocazione originaria. La seconda condizione è rappresentata dall'aspetto atmosferico. Un innesto, per attecchire, avrà bisogno di una temperatura non inferiore ai 25 gradi ed un buon tasso di umidità dell'aria. Infine, le due piante trattate dovranno presentare caratteristiche del tutto simili. Verificare giorno dopo giorno l'attecchimento della pianta è azione indispensabile per la crescita e la buona salute della pianta stessa.

37

Eliminare una parte di portinnesto

Altra cosa da fare, dopo aver praticato un innesto, è quella di eliminare una piccola parte di portinnesto. E, in particolare, quella minuscola porzione del portinnesto posta immediatamente sopra all'innesto. Mantenetene quindi solo una piccola parte, che vi sarà molto utile, in quanto fungerà da sostegno per la nuova pianta. Questa piccola porzione di portinnesto è detta garretto, nella terminologia del giardinaggio.

Continua la lettura
47

Applicare un sostegno

Ma se vi accorgete che il garretto non riesce ad assolvere compiutamente alla sua funzione di sostegno, dovrete per forza di cose cambiare la vostra strategia. Niente paura, perché c'è un'altra soluzione che, in taluni casi, è anche la più indicata. Tale soluzione alternativa consiste nell'applicare un sostegno alla nuova pianta. Il sostegno dovrà essere di tipo artificiale e potrà essere rappresentato, ad esempio, da una canna molto esile. Utilizzatene una che sia composta di materiali vegetali. Qualora ne foste sprovvisti, anche una lunga canna in plastica può fare al caso della vostra piantina.

57

Mettere una legatura

Dopo aver inserito il sostegno artificiale, non dimenticate di inserire una legatura. Tale legatura deve essere del tipo "a otto" e dovrete fare particolare attenzione affinché non si verifichi un dannoso sfregamento tra la giovane pianta e il suo tutore. Solo una legatura cosiddetta a otto, appunto, garantirà alla pianta l'opportuno movimento, senza pregiudicarne la corretta crescita.

67

Eliminare i germogli

Infine, dopo l'innesto, occorrerà svolgere un'ultima, importantissima, operazione: quella di eliminare, sia sulla superficie del portinnesto sia su quella della marza, l'insieme dei germogli che eventualmente dovessero svilupparsi. Tali germogli, infatti, potrebbero ostacolare la regolare crescita della nuova pianta. Meglio prevenire questo frequente inconveniente con un rapido intervento di potatura dei germogli. Ecco, in estrema sintesi, cosa fare dopo aver provveduto ad effettuare un innesto. Poche, semplici operazioni che garantiranno alla vostra pianta una crescita rapida, veloce e di cui andarne veramente fieri!

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a zufolo

L'innesto a zufolo è un tipo di innesto molto utilizzato perché presenta un'alta probabilità di attecchimento. Ecco perché, soprattutto per castagno e noce, questo tipo di pratica risulta oggi assai diffusa ed in continua espansione. Tale tipo di...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a gemma dormiente

Per tutti coloro che stanno cercando un modo per far rinvigorire le vostre piante, dovete utilizzare la tecnica dell'innesto.L'innesto è una tecnica che viene utilizzata per la propagazione agamica delle piante, che viene realizzata con la fusione di...
Giardinaggio

Come fare l'innesto a triangolo

Nel campo del giardinaggio esistono diverse pratiche da sfruttare per le nostre piante. Oltre alle comuni cure per il loro mantenimento possiamo praticare delle modifiche. Un albero da frutto, da fiore e piante di vario tipo possono subire un innesto....
Giardinaggio

Come effettuare l'innesto sull'albero di limoni

L'innesto è una delle tecniche maggiormente adoperate in agricoltura per permettere alle piante (soprattutto quelle da frutto) di proliferare. Altre tecniche di propagazione sono la margotta, la propaggine e la talea. L'innesto è tuttavia un'operazione...
Giardinaggio

Cosa fare dopo un innesto

L'innesto è una pratica agronomica che si realizza mediante la fusione di due elementi della pianta differenti tra loro. Questi elementi, che sono chiamati portinnesto e nesto, vengono saldati fino a determinare la nascita e la crescita di un'unica pianta....
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a doppio spacco inglese

L'innesto a doppio spacco è una tecnica nata in viticoltura e poi diffusa anche in altri ambiti come la frutticoltura. Sebbene questa tecnica sia la più difficile e complicata fra gli innesti, ne esistono molte altre. Le tecniche di innesto sono tutte...
Giardinaggio

Come fare l'innesto sull'albero di limone

L'innesto non serve soltanto a far sì che la pianta produca più frutta, ma anche a rendere la sua struttura molto più robusta e forte, in maniera tale da resistere maggiormente alle malattie e ad eventuali danneggiamenti prodotti da insetti, funghi...
Giardinaggio

Come eseguire l'innesto a cuneo apicale del Glicine

Generalmente si ricorre all'innesto per poter dar vita ad una nuova e più forte pianta dalla pianta che già esiste. Per rendere più solido e dunque efficace ogni innesto generalmente dci si avvale dell'uso della rafia che consente di legare le due...