Cura delle margherite: 5 errori comuni da evitare

Tramite: O2O 19/04/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le margherite sono un gruppo eterogeneo di fiori a forma di stella, che include i classici fiori bianchi, come la margherita oxeye annuale (Leucanthemum vulgare) e altri gruppi di fiori colorati e perenni, come la Susanna dagli occhi neri (Thunbergia alata)
e l'echinacea viola, che cresce da giugno a settembre. La margherita, è dotata di una setosa corolla di petali che circondano un fiore, che può crescere con successo anche in vaso per abbellire gli esterni delle abitazioni ed il suo periodo di fioritura è molto ampio: sboccia verso la fine di aprile/inizio maggio e resta solitamente in fiore sino all'inizio di ottobre. Per ottenere buoni risultati occorre però adottare qualche buon accorgimento, evitando di commettere alcuni sbagli. La maggior parte delle margherite sono abbastanza versatili e crescono in una vasta gamma di climi. Tuttavia, la cura generale tra varie specie margherita varia e quindi è molto facile confondersi e sbagliare. Vediamo allora quali sono i 5 errori più comuni da evitare nella cura delle margherite.

27

Occorrente

  • Luogo soleggiato, vaso con diametro non inferiore a 15/20 centimetri, annaffiature abbondanti
37

Il primo errore da non commettere è quello di scegliere un punto scarsamente soleggiato: le margherite amano avere ogni giorno almeno 5-6 ore di sole, quindi non scegliete mai di collocarle in un luogo in ombra o scarsamente illuminato. Un secondo sbaglio da non fare è quello di adottare contenitori troppo piccoli: potete utilizzare dei vasi in terracotta o in plastica, l'importante è che abbiano un diametro non inferiore a 15/20 cm, altrimenti le radici di questo fiore potrebbero morire.

47

Un terzo errore, specialmente nel periodo estivo e in punti molto soleggiati, è quello di bagnare le margherite in maniera scarsa: si tratta di piccole piante, ma sono elementi che richiedono molta acqua, sopratutto nel mese di luglio e agosto. Il quarto sbaglio da non fare è quello di effettuare le annaffiature a metà mattinata oppure nel pomeriggio: vanno fatte nelle ore di prima mattina o dopo il tramonto, per escludere la possibilità di procurare un pericoloso shock termico al fiore.

Continua la lettura
57

Infine, ecco il quinto errore da non commettere: nonostante la margherita sia una pianticella piuttosto resistente, se vivete in zone eccessivamente fredde evitate di coltivarla sul balcone, poiché se il termometro dovesse scendere sotto lo zero, questo fiore potrebbe morire. In aree caratterizzate da clima molto rigido è bene collocare i vasi in casa, sistemandoli sempre in un punto ben soleggiato.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Occorre bagnare abbondantemente le margherite almeno una volta al giorno, ma nei mesi molto caldi è bene ripetere l'operazione una seconda volta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cura dell'oleandro: 5 errori comuni da evitare

L'oleandro è una bellissima e fantastica pianta. Essa è conosciuta anche per essere un arbusto sempreverde, cioè per arbusto si intende un vegetale che è simile ad un albero e i propri rami si separano dal tronco principale quando sono posizionati...
Giardinaggio

Cura delle orchidee: 5 errori comuni da evitare

Chi ha la passione per il giardinaggio sa bene quanto sia importante curare le piante. Ne esistono diverse specie, alcune delle quali più delicate e bisognose di attenzioni. Molte di queste ultime rientrano nel gruppo delle piante da interno e decorative....
Giardinaggio

Cura della mimosa: 5 errori comuni da evitare

Se amiamo i fiori e siamo appassionati di giardinaggio e soprattutto abbiamo la fortuna di disporre di uno spazio idoneo a poterli coltivare, potremo scegliere di piantare la mimosa. Simbolo della festa della donna, la pianta fu scelta per celebrare appunto...
Giardinaggio

Cura dei gerani: 5 errori comuni da evitare

Il geranio, nome scientifico pelargonium, è una pianta perenne che appartiene alla famiglia delle geraniacee. Diciamo pure che esistono diverse specie di questa pianta; però le più conosciute sono: pelargonium zonale o geranio comune che si presenta...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'arancio

L'arancio è uno degli alberi più belli da tenere in un terreno o in un grande giardino. La sua potatura è semplice da effettuare, ma per fare in modo che l'arancio sia sempre sano e produca dei frutti succosi e genuini bisogna prestare attenzione ai...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albero di limoni

L'albero dei limoni fa parte della famiglia degli agrumi in cui rientrano anche, aranci, cedri, mandarini, mandaranci, pompelmi; tutti frutti ricchi di preziose vitamine che regalano abbondanti fioriture profumate e fruttificazioni, se ben coltivate....
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del nespolo

Il nespolo, è un meraviglioso albero da frutta che necessita di determinate cure e di determinati passaggi precisi per crescere bene, sano, robusto e in forma. Per chi non è pratico con il giardinaggio, esistono delle tecniche speciali per la potatura...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del pesco

Il pesco, è un albero da frutto molto esigente, che richiede una potatura specifica per poter crescere in maniera sana e forte. Questa pianta da frutto, è molto delicata e deve sempre essere ben curata per poter crescere in modo efficiente e robusto.Per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.