Errori da evitare nell'innesto a omega

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli innesti nel giardinaggio sono diversi ed ognuno specifico per un determinato tipo di albero; infatti, se ad esempio abbiamo una vite ed intendiamo praticare questa operazione, utilizziamo la tecnica definita “a omega”. Nello specifico prevede l’uso di due pezzi (marza e portainnesto), aventi lo stesso diametro e con un’angolazione pari a 45 gradi. Nei passi successivi di questa lista, vediamo dunque nel dettaglio, come procedere e quali sono gli errori da evitare nell’innesto a omega.

26

Scegliere rami di diversa natura

Quando si pratica un innesto ad omega e lo stesso dicasi anche per le altre tipologie, è importante evitare di scegliere rami di diversa natura; infatti, devono avere la stessa composizione cellulare e quindi non appartenere a due ceppi diversi, il che significa sfruttare per l’innesto di un albero i suoi stessi rami, proprio per favorire un perfetto attecchimento tra le parti.

36

Unire due rami senza rispettare la polarità

Un altro errore da evitare nella tecnica di innesto a omega, è quello di unire due rami senza rispettare la polarità; infatti, il risultato non è soddisfacente poiché la pianta si sviluppa molto debole, e quindi il lavoro accurato viene del tutto vanificato. In sintesi significa che la parte tagliata di un ramo, deve necessariamente essere fissata sul moncone dell'altro che si trova sulla corteccia.

Continua la lettura
46

Praticare l’innesto nel periodo non adatto

Una raccomandazione anch’essa importante, è quella di evitare di praticare l’innesto a omega nel periodo non adatto; infatti, proprio nel caso della vite, va eseguito nei mesi compresi tra ottobre e novembre quindi in pieno autunno, mentre in altre tipologie di viti come ad esempio quella "canadese" subito dopo l'estate.

56

Intaccare la corteccia durante il taglio

Quando pratichiamo un taglio su dei rami per poterli utilizzare poi per l’innesto a omega, è da evitare l’errore di intaccare la corteccia. Questo accorgimento, si rivela fondamentale per la sopravvivenza della pianta stessa, poiché l’asportazione della naturale copertura, può farla ammalare a causa di attacchi di afidi, e nel contempo c'è il rischio che diventi improduttiva.

66

Eseguire un taglio non netto

Eseguire un taglio non netto, quindi utilizzando attrezzi che non hanno una lama perfetta e magari presentano anomale dentellature, significa non far attecchire l’innesto a omega come si deve. Il taglio infatti, deve necessariamente essere a 45 gradi, utilizzando attrezzi come la cesoia ben sterilizzati, e poi subito dopo la parte va adeguatamente ricoperta con dei fili di rafia, per evitare pericolose infezioni e conseguenti attacchi di afidi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a gemma dormiente

Per tutti coloro che stanno cercando un modo per far rinvigorire le vostre piante, dovete utilizzare la tecnica dell'innesto.L'innesto è una tecnica che viene utilizzata per la propagazione agamica delle piante, che viene realizzata con la fusione di...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a zufolo

L'innesto a zufolo è un tipo di innesto molto utilizzato perché presenta un'alta probabilità di attecchimento. Ecco perché, soprattutto per castagno e noce, questo tipo di pratica risulta oggi assai diffusa ed in continua espansione. Tale tipo di...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a triangolo

Per ottimizzare il risultato dal punto di vista della fruttificazione degli alberi, esistono svariate tecniche di innesto, e tra queste vale la pena citare quella a triangolo, che è una delle più diffuse nel settore della frutticoltura. In riferimento...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a doppio spacco inglese

L'innesto a doppio spacco è una tecnica nata in viticoltura e poi diffusa anche in altri ambiti come la frutticoltura. Sebbene questa tecnica sia la più difficile e complicata fra gli innesti, ne esistono molte altre. Le tecniche di innesto sono tutte...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a corona

Per le piante da frutto in base alle varie specie, ci sono diversi tipi di innesti da utilizzare, per renderle più prolifiche. Tra i tanti, in questa lista parliamo di quello a corona; infatti, si tratta di utilizzare le cosiddette "marze" che consentono...
Giardinaggio

Consigli per l'innesto a omega

A volte, la natura ha bisogno del lavoro dell’uomo per riprodurre piante che con tale intervento, non vengono alterate le loro caratteristiche, ma diventano più attraenti, producono frutti particolarmente gustosi e di ottima qualità. Si sta considerando,...
Giardinaggio

Giardinaggio: i vari tipi di innesto

Se siete patiti di giardinaggio e volete cimentarvi nell'innesto delle piante, sappiate che ne esistono di vari tipi e che seguendo questa semplice guida sarete in grado di apprendere le tecniche più idonee per realizzarli. Scopo dell'innesto è quello...
Giardinaggio

Come effettuare l'innesto sull'albero di limoni

L'innesto è una delle tecniche maggiormente adoperate in agricoltura per permettere alle piante (soprattutto quelle da frutto) di proliferare. Altre tecniche di propagazione sono la margotta, la propaggine e la talea. L'innesto è tuttavia un'operazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.