Errori da evitare nell'innesto a zufolo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'innesto a zufolo è un tipo di innesto molto utilizzato perché presenta un'alta probabilità di attecchimento. Ecco perché, soprattutto per castagno e noce, questo tipo di pratica risulta oggi assai diffusa ed in continua espansione. Tale tipo di innesto consiste nello staccare una piccola porzione di corteccia e avvicendarla con un'altra della pianta che si vuole far sviluppare. Tale piccola porzione deve sempre essere provvista di gemma. Tutti possono effettuare questo particolare tipo di innesto. Tuttavia, per i principianti, ecco quali sono gli errori da evitare nella pratica dell'innesto a zufolo.

27

Praticarlo per tutti i tipi di pianta

Uno degli errori che di solito si commette con maggiore frequenza e che è tipico dei principianti o di chi non è particolarmente esperto nelle pratiche agronomiche, è quello di praticare l'innesto a zufolo indistintamente per tutti i tipi di pianta. Occorre invece sapere che questo tipo di innesto è caratteristico e specifico per le piante di noce e castagno. Occorre pertanto evitare di effettuarlo su altri tipi di pianta.

37

Non lasciare libera la gemma

Altro errore molto frequente da non ripetere assolutamente è quello rappresentato dall'impedire alla gemma di essere libera. Infatti l'operazione di innesto a zufolo solitamente si ultima provvedendo a formare una legatura molto salda. Tuttavia tale legatura deve lasciare del tutto libera la gemma, dandogli così la possibilità di crescere adeguatamente e di svilupparsi naturalmente nel giusto modo. Attenzione quindi a non costruire una legatura troppo stretta.

Continua la lettura
47

Intaccare le zone cambiali

Durante un innesto, particolare attenzione deve essere rivolta alla corretta sistemazione delle zone cambiali. Esse devono combaciare perfettamente tra loro ed occorre assolutamente evitare di intaccarle o, peggio ancora, di rovinarle. Ecco perché chi non utilizza gli opportuni accorgimenti in questo senso, rischia fortemente di effettuare un innesto a zufolo del tutto incompleto e mal realizzato. Con grave rischio per le zone cambiali che, data la loro delicatezza, una volta intaccate non potranno più fornire la loro fondamentale funzione per la pianta.

57

Inserire la punta della gemma verso il basso

Uno sbaglio da non commettere nella maniera più assoluta è anche quello di inserire la punta della gemma rivolta verso il basso. Essa va collocata con la sua estremità rivolta invece verso l'alto. Per operare in modo corretto e per non fare confusione, vi consigliamo quindi di levigare la corteccia del portainnesto e di inserire l'anello con la gemma collocata rigorosamente verso l'alto.

67

Non utilizzare il mastice

Ad innesto quasi terminato sarà di fondamentale importanza utilizzare un buon mastice. Come procedere? Presto detto. Dopo aver messo la gemma, occorre legare il tutto con una rafia ed isolare la pianta provvedendo a stendere il mastice. In commercio e nei negozi specializzati in giardinaggio, esistono molti prodotti che possono fare al caso vostro. Un mastice di buona qualità si può acquistare ad un prezzo di circa 6-7 euro. Una spesa davvero esigua che vi consentirà un'adeguata protezione per il vostro innesto a zufolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a gemma dormiente

Per tutti coloro che stanno cercando un modo per far rinvigorire le vostre piante, dovete utilizzare la tecnica dell'innesto.L'innesto è una tecnica che viene utilizzata per la propagazione agamica delle piante, che viene realizzata con la fusione di...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a doppio spacco inglese

L'innesto a doppio spacco è una tecnica nata in viticoltura e poi diffusa anche in altri ambiti come la frutticoltura. Sebbene questa tecnica sia la più difficile e complicata fra gli innesti, ne esistono molte altre. Le tecniche di innesto sono tutte...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a omega

Gli innesti nel giardinaggio sono diversi ed ognuno specifico per un determinato tipo di albero; infatti, se ad esempio abbiamo una vite ed intendiamo praticare questa operazione, utilizziamo la tecnica definita “a omega”. Nello specifico prevede...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a corona

Per le piante da frutto in base alle varie specie, ci sono diversi tipi di innesti da utilizzare, per renderle più prolifiche. Tra i tanti, in questa lista parliamo di quello a corona; infatti, si tratta di utilizzare le cosiddette "marze" che consentono...
Giardinaggio

Giardinaggio: i vari tipi di innesto

Se siete patiti di giardinaggio e volete cimentarvi nell'innesto delle piante, sappiate che ne esistono di vari tipi e che seguendo questa semplice guida sarete in grado di apprendere le tecniche più idonee per realizzarli. Scopo dell'innesto è quello...
Giardinaggio

Come effettuare l'innesto sull'albero di limoni

L'innesto è una delle tecniche maggiormente adoperate in agricoltura per permettere alle piante (soprattutto quelle da frutto) di proliferare. Altre tecniche di propagazione sono la margotta, la propaggine e la talea. L'innesto è tuttavia un'operazione...
Giardinaggio

Consigli per l'innesto a spacco

L’innesto è una tecnica usata da moltissimi anni per riprodurre piante di ogni genere. Esistono vari tipi di innesto. Ogni tipo viene utilizzato per delle piante specifiche. Tramite questo tutorial vi daremo degli utili consigli per l’innesto a spacco....
Giardinaggio

Cosa fare dopo un innesto

L'innesto è una pratica agronomica che si realizza mediante la fusione di due elementi della pianta differenti tra loro. Questi elementi, che sono chiamati portinnesto e nesto, vengono saldati fino a determinare la nascita e la crescita di un'unica pianta....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.