Gli errori più comuni nella potatura del melo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo articolo vedremo gli errori più comuni nella potatura del melo. Tale albero è uno tra i più diffusi da frutto che sono coltivati in tutta Italia. Per la sua coltivazione non serviranno doti enormi da giardinieri per tale ragione sarà facile da coltivare anche nel giardino di tutti. Eppure se volete che il vostro albero di mele sia più produttivo, è bene curare il momento della potatura. Facendo in tal modo, riuscire ad assicurarvi la produttività dell'albero durante gli anni. Malgrado sia semplice dal coltivare questo albero, la potatura non risulterà sempre produttiva. Si potrà rivelare a volte dannosa per la pianta se fatte in malo modo. In tale guida, vi daremo le giuste spiegazioni sugli errori che si potranno fare. Potrete così evitare di danneggiare il vostro albero, in modo da poter raccogliere mele buonissime.

26

Occorrente

  • Cesoie
  • Sega
36

Come forse già ben saprete, le operazioni di potatura, nell'albero del melo, servono ad eliminare tutte quelle parti che ormai sono morte, così come per qualsiasi altra pianta da frutto. Dovrete evitare che venga perciò sprecata linfa vitale. Ci sono due tipi diversi di potatura, e che vengono applicati in base dell'età della pianta. Questi tipi sono la potatura di allevamento che servirà per far accrescere la pianta e viene infatti fatta nei primi anni dell'albero. La seconda tipologia di potatura è chiamata di produzione. Quest'ultima viene messa in atto, in fase già matura della pianta. Servirà per far sì che la pianta sia maggiormente produttiva possibile, e che lo resti più a lungo possibile.

46

Un'errore che molto spesso viene fatto quando potate, è quello di recidere i rami errati. Per far in modo che l'albero del melo riesce a produrre tanti frutti, la cosa importante è che la sua chioma resti arieggiata e diradata bene. Ecco il motivo per il quale è fondamentale fare una potatura che tenda ad accorciare i rami, ma soprattutto che tenda a diradarli fra di loro. Così facendo, potrete evitare di far sprecare linfa alla pianta per nutrire e far crescere maggiormente la sua chioma che, servirà per produrre mele.

Continua la lettura
56

Prima di intervenire sarà importante sapere ben riconoscere il tipo di ramo che dovrete andare a potare. I dardi sono dei rami che da circa un anno non sono più produttivi. I rami zampe di gallo, sono dei rami che hanno circa 4 anni e di solito sono destinati alla potatura siccome sono poco produttivi. Se viene perciò considerato il fatto che la maggior parte della produzione avviene nei rami giovani, è necessario assolutamente che questi non siano potati. Come ultimo errore da evitare sempre sarà quello di realizzare delle ferite sui rami durante l'operazione di taglio. Lavorate quindi con seghe e cesoie ben affilate. Buon lavoro!

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del nespolo

Il nespolo, è un meraviglioso albero da frutta che necessita di determinate cure e di determinati passaggi precisi per crescere bene, sano, robusto e in forma. Per chi non è pratico con il giardinaggio, esistono delle tecniche speciali per la potatura...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del pesco

Il pesco, è un albero da frutto molto esigente, che richiede una potatura specifica per poter crescere in maniera sana e forte. Questa pianta da frutto, è molto delicata e deve sempre essere ben curata per poter crescere in modo efficiente e robusto.Per...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'ulivo

L’ulivo è un albero dalla forma cespugliosa, con una chioma eccessivamente ampia e cilindrica. La pianta, visto la sua grandezza, è sostenuta sempre da fusti robusti, insediati fortemente nel terreno. Tenendo in considerazione che qualsiasi tipo di...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del fico

Secondo recenti sondaggi su tutto il territorio nazionale, sono sempre di più le persone che si dedicano al giardinaggio, occupandosi soprattutto di piante da frutto. Tra gli alberi più coltivati in tutto il paese, vi è sicuramente il fico per via...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albero di limoni

L'albero dei limoni fa parte della famiglia degli agrumi in cui rientrano anche, aranci, cedri, mandarini, mandaranci, pompelmi; tutti frutti ricchi di preziose vitamine che regalano abbondanti fioriture profumate e fruttificazioni, se ben coltivate....
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del mandarino

Le piante da mandarino sono piante che necessitano di condizioni appropriate per poter crescere rigogliose e produttive. Le condizioni migliori per questo tipo di piante che crescono ottimamente in climi temperato-caldi (range di temperatura tra i 13°C...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del mandorlo

La Potatura è un operazione che viene fatta agli alberi e alle piante per migliorare le fioriture successive. Per tutto il periodo invernale le piante si trovano in uno stato vegetativo, ma con l'arrivo della primavera inizia la fase del risveglio....
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura della vite

La vite è una pianta che per avere una crescita regolare deve essere seguita e curata con sapienza e maestria, specialmente quando bisogna eseguire la potatura. Quest'ultima è una delle operazioni più delicate; infatti, bisogna avere una certa esperienza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.