Gli errori più comuni nella potatura del pompelmo

Tramite: O2O 19/04/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli alberi di pompelmo (Citrus paradisi) molto raramente necessitano di potatura, specie quando sono piantati nel contesto domestico. Si pensi che più sono le foglie che questi alberi sempreverdi detengono, più sarà elevata la produzione di frutti, i quali saranno anche di qualità migliore. L'albero di pompelmo richiede la potatura solo se ha subito danni dal freddo, poiché bisogna eliminare i rami secchi o separare quelli che interferiscono fra loro. Sebbene si tratti di un lavoro piuttosto semplice, gli sbagli che si possono commettere sono tanti e possono essere determinanti ai fini della produzione dei frutti e della vita dell'albero stesso. Vediamo allora quali sono gli errori più comuni nella potatura del pompelmo.

27

Se si cresce la pianta dal seme, evitiamo di farla crescere spontaneamente, invece applichiamo ai rami, dei correttori per condurre i rami in forma rotonda, facendoli evolvere per larghezza, anziché in altezza; quando la pianta è adulta evitiamo di potare il pompelmo con esportazioni dei rami eccessive, ma preoccupiamoci di toglier via solo i rami secchi e senza i nuovi ributti.

37

Evitiamo di togliere i rami apparentemente secchi, pratichiamo invece un leggero taglio per assicurarci che l'interno del legno sia morto, molto spesso l'interno si presenta invece ancora verde, ingannandoci quando ormai abbiamo deturpato il ramo stesso. Non potiamo i rami che hanno la direzione verso l'alto, perché sono quelli che hanno ancora un'ottima fruttificazione.

Continua la lettura
47

Per togliere ogni dubbio, se dobbiamo alleggerire la pianta, eliminiamo i rami che hanno la tendenza a curvarsi verso il basso; non eseguiamo la potatura nei periodi troppo freddi o troppo caldi e nemmeno in primavera, periodo nel quale il pompelmo inizia il processo di fioritura e di successiva fruttificazione. Quindi, il periodo migliore per estirpare la pianta, è l'autunno.

57

Non eseguire mai la potatura più di una volta all'anno, rischieremmo di sdegnare la pianta, con il rischio conseguente di ottenere una scarsa nascita di frutti. Non tagliamo i rami più lunghi quando provengono dalla parte alta della pianta, estirpiamo invece quelli nati dal basso, soprattutto se privi di frutti.

67

Se l'albero ha un'eccessiva crescita con la conseguente amplificazione della chioma, non potiamo eccessivamente i rami nella loro parte terminale, ma limitiamoci a eseguire una spuntatura di 2-3 cm, sempre attenendoci al periodo autunnale. Questo vale per tutte le zone periferiche dell'albero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del nespolo

Il nespolo, è un meraviglioso albero da frutta che necessita di determinate cure e di determinati passaggi precisi per crescere bene, sano, robusto e in forma. Per chi non è pratico con il giardinaggio, esistono delle tecniche speciali per la potatura...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del pesco

Il pesco, è un albero da frutto molto esigente, che richiede una potatura specifica per poter crescere in maniera sana e forte. Questa pianta da frutto, è molto delicata e deve sempre essere ben curata per poter crescere in modo efficiente e robusto.Per...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'ulivo

L’ulivo è un albero dalla forma cespugliosa, con una chioma eccessivamente ampia e cilindrica. La pianta, visto la sua grandezza, è sostenuta sempre da fusti robusti, insediati fortemente nel terreno. Tenendo in considerazione che qualsiasi tipo di...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del fico

Secondo recenti sondaggi su tutto il territorio nazionale, sono sempre di più le persone che si dedicano al giardinaggio, occupandosi soprattutto di piante da frutto. Tra gli alberi più coltivati in tutto il paese, vi è sicuramente il fico per via...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura dell'albero di limoni

L'albero dei limoni fa parte della famiglia degli agrumi in cui rientrano anche, aranci, cedri, mandarini, mandaranci, pompelmi; tutti frutti ricchi di preziose vitamine che regalano abbondanti fioriture profumate e fruttificazioni, se ben coltivate....
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del mandarino

Le piante da mandarino sono piante che necessitano di condizioni appropriate per poter crescere rigogliose e produttive. Le condizioni migliori per questo tipo di piante che crescono ottimamente in climi temperato-caldi (range di temperatura tra i 13°C...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura della vite

La vite è una pianta che per avere una crescita regolare deve essere seguita e curata con sapienza e maestria, specialmente quando bisogna eseguire la potatura. Quest'ultima è una delle operazioni più delicate; infatti, bisogna avere una certa esperienza...
Giardinaggio

Gli errori più comuni nella potatura del mandorlo

La Potatura è un operazione che viene fatta agli alberi e alle piante per migliorare le fioriture successive. Per tutto il periodo invernale le piante si trovano in uno stato vegetativo, ma con l'arrivo della primavera inizia la fase del risveglio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.