Guida ai tessuti ignifughi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Con questa guida ci occuperemo di tessuti ignifughi. Questo tipo di tessuto è prodotto artificialmente, con materiali che non sono reperibili in natura. È consigliato quindi tenersi sempre aggiornati sui tessuti in questione, dal momento che essendo di continuo sottoposti a modifiche potrebbero non essere più identificabili mediante un determinato nome. Una normale fibra come il cotone non può essere in grado di resistere alle fiamme, mentre i tessuti ignifughi servono proprio a proteggere il corpo o l'oggetto che avvolgono dalla combustione. Si ottengono attraverso trattamenti di ignifugazione eseguiti sulle fibre tessili di partenza. Scopriamo allora quali sono i tessuti ignifughi più comuni e le loro caratteristiche.

24

La normativa

Secondo la legge italiana e la normativa europea i tessuti ignifughi sono divisibili in due macro gruppi. In ogni caso, i tessuti garantiranno sempre la massima resistenza all'infiammabilità e avranno caratteristiche in grado di ridurre al minimo il rischio di combustione. Come già detto, questi tessuti si ottengono artificialmente mediante un trattamento organolettico di ignifugazione sulle fibre tessili di partenza. Questo processo può essere eseguito applicando e facendo assorbire dalla stoffa sali di ammonio, tinkal (borace o sodio borato) o solfato di ammonio, che sono appunto sostanze resistenti alla combustione o ritardanti.

34

Le sostanze

Le sostanze che abbiamo menzionato non servono soltanto a prevenire gli incendi. Esse, infatti, se poste in zone ad alte temperature, sono in grado di generare anidride carbonica. Questa soffoca le fiamme privando il fuoco del suo alimentatore principale, l'ossigeno. La verniciatura inoltre è un processo che gioca un ruolo importante per la produzione dei tessuti ignifughi. Attraverso di essa, le fibre naturali vengono ricoperte da uno strato di sostanze che, sottoposte ad elevate temperature, impediscono al fuoco di attecchire attraverso la vetrificazione dei reagenti.

Continua la lettura
44

Lavorazione e l'assemblaggio di fibre minerali

Un altro metodo per produrre tessuti ignifughi è la lavorazione e l'assemblaggio di fibre minerali e artificiali. Ad esempio, il basalto e l'asbesto (l'amianto, tossico) sono molto resistenti alla combustione. E in effetti, fino a qualche anno fa, le tute ignifughe tessute con la fibra di eternit erano molto diffuse. Oggi, fortunatamente, sono vietate dalla legge data la loro elevata tossicità. Il basalto invece è ampiamente diffuso nelle industrie automobilistiche e spaziali. Le sue fibre minerali combinate con filamenti artificiali sono in grado di proteggere piloti, astronauti e stuntmen nelle loro attività, in caso di incendio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come installare un tubo in polietilene

I tubi in polietilene, rappresentano dei modelli tecnologicamente avanzati di condotte in cui vengono trasportati liquidi come acqua e gas, e sono principalmente adatti per proteggere i cavi e gli impianti di irrigazione sia civile che industriale. L'utilizzo...
Bricolage

Come schermare una stufa a legna

Se avete deciso di installare una stufa a legna nella vostra casa o nel vostro rustico, complimenti, avete fatto un'ottima scelta. Una stufa a legna infatti è un'ottima soluzione per riscaldare gli ambienti domestici, in particolare se avete modo di...
Casa

Come scegliere la carta da parati per una casa di campagna

Può capitare di possedere una casa di campagna, magari ereditata, o forse acquistata a poco prezzo, e non sapere come arredarla, soprattutto perché rimarrà un punto di riferimento per i week end o le vacanze. Nessuna paura. Con qualche semplice dritta...
Bricolage

Come realizzare un tessuto ignifugo

Ormai da qualche anno sta impazzando la moda per i lavoretti fai da te, che ci permettono di realizzare oggetti fantastici e utili partendo da delle piccole cose. Questo metodo di realizzazione fa bene in quanto una volta realizzato ci fa sentire davvero...
Bricolage

Come saldare a filo continuo senza gas

Esistono diversi tipi di saldature che permettono di unire materiali in metallo in modo permanente e senza particolari problemi. Tra queste c'è quella senza gas comunemente chiamata a filo continuo, che avviene in un modo davvero particolare, e che...
Altri Hobby

Come coprire i tubi dei termosifoni

I termosifoni, per essere installati e collegati correttamente, hanno bisogno di avere dei tubi che li possano collegare al muro e, quindi, alle tubature della casa. Spesso, però, i tubi dei termosifoni possono anche diventare pericolosi se ci sono dei...
Bricolage

Come risparmiare sul riscaldamento con i pannelli isolanti riflettenti

Risparmiare sull'energia elettrica di questi tempi è diventata un'esigenza comune e piuttosto ricercata ma che grazie alle nuove tecnologie è possibile fare. L'avvento dei pannelli solari e fotovoltaici ha permesso a moltissime famiglie di poter risparmiare...
Materiali e Attrezzi

Come isolare con la carta, il cotone o la carta stagnola

Esistono moltissimi metodi efficaci per isolare la casa. Infatti, il calore che si trova all'interno di una casa tende a disperdersi verso l'esterno ed è difficile poter raggiungere un certo equilibrio termico. I materiali isolanti più utilizzati sono:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.