Guida ai trattamenti antiparassitari per vigneti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La vite è una pianta formata da tanti tralci e per tenerla alzata ha bisogno di sostegni. I frutti formano dei grappoli d'uva rossa o bianca; essi sono buonissimi da mangiare. Dai frutti si ottiene una bevanda abbastanza gustosa: il vino. Il fusto della vite sembra fragile, ma in realtà è molto forte. Molte sono le malattie che possono colpirla; leggendo questa guida si possono avere delle indicazioni su come è possibile eseguire trattamenti antiparassitari per i vigneti.

26

Occorrente

  • antiparassitario
  • nebulizzatore o spruzzino
36

La coltivazione

Le cure verso la vite cominciano nel momento in cui si decide di iniziare la coltivazione. Le piantine, a fine gennaio, vanno messe in un terreno rimosso e fertilizzato con concime stallatico maturo. Durante la crescita e l'intero ciclo vitale della vite si devono eseguire circa 3 innaffiature settimanali nel periodo estivo e nessuna nel periodo invernale. Bisogna potare tutti i tralci malformi oppure che presentano delle infezioni. Il terrreno sottostante la vite deve essere pulito da eventuali erbacce. La salute della pianta dipende da una buona concimazione e dalla prevenzione verso le malattie che affliggono la vite.

46

Le sostanze

Per proteggere oppure curare il vigneto dagli attacchi parassitari si hanno a disposizione numerose sostanze che però provocano l'inquinamento ambientale. Le malattie possono essere di vario tipo e si concentrano in particolari periodi dell'anno. Durante la fase di riposo vegetativo le malattie vengono causate dalle cocciniglie e si ha la caduta delle foglie. Quando si accerta la presenza di questo parassita bisogna intervenire utilizzando l'olio bianco prima che le gemme si ingrossano. Durante la potatura si deve verificare la presenza del Bostrico della vite; in caso positivo va trattarlo con il fuoco.

Continua la lettura
56

Le malattie

Durante la ripresa vegetativa le malattie sono: la Noctua pronuba e Noctua fimbriata. Infatti, nei mesi di aprile e giugno, in caso di tali malattie, le gemme vengono attaccate dalle larve. Si deve intervenire su di esse con liquidi a base di "piretroide" oppure con esche avvelenate con "methomyl". La fase degli abbozzi fogliari è quella in cui compaiono le prime foglioline; queste ultime possono essere colpite dalla "Escariosi" e dalla "Eriofide". È un fungo che provoca lesioni; in questo caso sono fondamentali le misure precauzionali come potatura, eliminazione delle infezioni ecc. Inoltre, si deve effettuare un intervento con lo zolfo polverulento. Poi, si ha la fase delle foglie distese e si possono riscontrare le malattie causate da: "noctua pronuba", "noctua fimbriata", "ragnetto giallo", ecc.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Antiparassitari naturali: come sceglierli

Gli antiparassitari naturali, utili per la salvaguardia delle piante, non presentano alcun tipo di sostanze chimiche e tossiche; pertanto, il loro utilizzo non reca alcuno danno né al fogliame né alle radici dei vegetali. Gli antiparassitari possono...
Giardinaggio

Guida ai fiori di Aprile

Come tutti sappiamo la primavera inizia il 21 di marzo, ma è nel mese di aprile che esplode la meravigliosa fioritura di piante e boccioli di ogni forma e colore. Se desideriamo avere un giardino a regola d'arte, bisogna però procurarsi i bulbi adatti...
Giardinaggio

Guida ai fiori da piantare in autunno

Nella seguente guida vogliamo far comprendere al meglio quali sono i fiori da piantare durante l'autunno. In questo modo il nostro giardino o balcone diventa veramente affascinante e colorato. La stagione autunnale fa da apertura al freddo inverno. Questo...
Giardinaggio

Il bonsai carmona: guida alla cura

Il bonsai Carmona appartiene alla famiglia delle Boraginaceae; esso però è conosciuto soprattutto con il nome di Carmona Microphylla. La pianta è abbastanza facile da coltivare; se si vuole avere una pianta sempre sana bisogna prestare attenzione alla...
Giardinaggio

Guida ai bulbi da piantare in primavera

Il periodo primaverile è sicuramente uno dei più indicati per dedicarsi al giardinaggio e alla coltivazione di piante e fiori. Ci sono delle tipologie di piante che vengono definite bulbose, poiché si riproducono attraverso i bulbi che danno origine...
Giardinaggio

Il bonsai ficus: guida alla cura

Se abbiamo il pollice verde e amiamo le piante possiamo anche coltivare il bonsai, e fra questi le varietà di Ficus sono le più diffuse in assoluto perché sono facili da mantenere in salute, e riescono a crescere bene in appartamento in quanto non...
Giardinaggio

Guida ai fiori che resistono al sole

Se possedete un un giardino che è esposto al sole tutto il giorno, per coltivare alcune specie di fiori, è necessario conoscere a fondo le loro caratteristiche, per verificare che sopportino bene questa tipologia di luce continua. Un errato posizionamento...
Giardinaggio

Guida alle fioriture invernali

Questa che state per leggere vuole essere una vera e propria guida su come avere un balcone ed anche un giardino del tutto fiorito. Nella stagione invernale sono infatti, poche le piante che fioriscono, ma quando l'estate è quasi finita, già si pensa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.