Idee per il ricamo a punto indietro

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'arte del ricamo non ha mai smesso di affascinare adulti e piccini, tanto che la creazione di manufatti a tema non accenna a diminuire. Le creative di tutto il mondo producono infatti raffinati copriletto, sfiziose coperte, bomboniere, sacchetti e persino delicate tovaglie, da vendere, regalare o tramandare ai propri cari. Ogni capo ricamato acquista col tempo un notevole valore di mercato, che si fa importante qualora venga eseguito con maestria e filati pregiati. Per la realizzazione degli intricati decori, tuttavia, è necessario padroneggiare bene questa nobile arte e conoscere a fondo i punti erba, catenella, spaccato, pieno ed indietro. All'interno della nostra guida ci soffermeremo proprio sul punto indietro, che è anche il più semplice e lineare, ed analizzeremo assieme svariate idee per utilizzarlo al meglio.

27

Bavette per neonato

Ricamare a punto indietro è semplicissimo: si disegna una figura sul tessuto da lavorare, si inserisce l'ago in un punto qualsiasi del tratteggio, lo si fa scorrere sotto e lo si fa riemergere 5-6 millimetri dopo. L'ago viene quindi reinserito all'interno della stoffa, in un punto adiacente a quello iniziale, per poi farlo riemergere poco più avanti. In questo modo si crea dapprima un tratteggio discontinuo, che si converte poi in una linea pulita. La semplicità di questa lavorazione ne fa un must per la realizzazione dei bordi nei ricami più complessi. Se ad esempio si vuole creare una bavetta personalizzata per neonato, si può usare il punto indietro per ricamare il nome e per descrivere i contorni degli ulteriori decori. Questi, poi, possono essere ulteriormente abbelliti con punti catenella e colmati con punti pieni.

37

Cuscini animaleschi per bambini

I bambini, si sa, vivono di grande immaginazione, che consente loro di godere a pieno di ogni sfumatura della vita. Divertirli è semplice, basta una battuta, un giochino o la compagnia di un coetaneo ma, le mamme che vogliono stupire, possono osare di più. Trasformare dei comuni cuscini in compagni di gioco è infatti molto semplice: disegnate sul tessuto ben teso la faccia di un animale, evitando però di perdervi troppo nei dettagli. Ricalcate queste linee con il punto indietro e riponete l'oggetto finito nella camera del bambino. Per ottenere un bel gattino basta disegnare tre vibrisse a sinistra, tre a destra, due cerchietti al centro ed un trattino in basso. Per realizzare un carinissimo maialino, invece, è sufficiente tracciare occhi e bocca, per poi ricamare le orecchie sui margini superiori.

Continua la lettura
47

Asciugamani e vestiti personalizzati

Ebbene sì, il punto indietro è ottimo per marchiare col proprio nome qualsiasi tipo di tessuto. Grazie ad esso si possono quindi personalizzare asciugamani ma anche capi d'abbigliamento, che non temeranno d'essere confusi nè smarriti. In genere, il "marchio" va ricamato in modo discreto, in un angolino, ma nulla vieta di realizzare scritte con grossi caratteri. Possono inoltre essere impiegati filati di colori dissimili, così da creare, ad esempio, un disegno rainbow o uno che gioca sulle numerose sfumature di un medesimo colore.

57

Bomboniere low-cost

In tempi di crisi, le creazioni fatte a mano diventano l'unica scelta possibile per molte coppie in procinto di convolare a nozze. Acquistando pacchi di veli in merceria, è possibile ricamarli e ricavarne graziose bomboniere da donare agli ospiti. Nonostante il lavoro appaia lungo e faticoso, il punto indietro si esegue con strabiliante rapidità ed è quindi l'ideale in casi come questo. Un'idea carina è quella di ricamare il nome degli sposi, le sagome delle fedi o quelle di due cuori. Lo stesso tipo di decoro si può eseguire anche su sacchetti di confetti da donare in altre occasioni speciali, quali comunioni, battesimi, lauree, diciottesimi e così via. Le bomboniere così ottenute saranno uniche, originali ed assolutamente low-cost.

67

Tovaglie della festa

Il punto indietro, come dimostrato, è adatto anche alle mani di un neofita e consente sempre la realizzazione di capi raffinati. Per impiegarlo al meglio, lo si può sfruttare nell'abbellimento delle tovaglie della festa, ricamando date/nomi e convertendo un qualsivoglia accadimento in un evento speciale. Se ciò non fosse sufficiente, si possono delineare poi simboli ed immagini. Così da convertire un comune pezzo di stoffa in un qualcosa di commemorativo e festoso. Ricamando campane e colombe si può realizzare una tovaglia pasquale, optando per abeti, renne e pacchetti colorati si ottiene invece una sfiziosa tovaglia natalizia. E se venissero ricamati i personaggi delle fiabe? Ecco che verrebbe fuori una bellissima tovaglia per il compleanno dei più piccoli, che li renderebbe felici in un battibaleno!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare il ricamo d'arazzo

In questo articolo che seguirà, vi diamo spiegazioni relativamente a come fare il ricamo d'arazzo. Il ricamo d'arazzo è una forma di arte tessile. Veniva creato tradizionalmente su un telaio in posizione verticale. Oggigiorno viene realizzato invece...
Cucito

Come realizzare un ricamo in pietre

In questo articolo vogliamo dare una mano, a tutti i nostre lettori che sono dei veri e propri appassionati delle nostre guide. Nello specifico vogliamo aiutarli a capire come poter realizzare un bellissimo ricamo in pietre. Grazie al metodo del fai da...
Cucito

Tutti i punti base del ricamo

Imparare a ricamare a mano è un hobby sia divertente che rilassante; inoltre è un modo semplice per creare splendide opere d'arte con tessuti e fili. Imparare a ricamare può sembrare difficile all'inizio, ma con un po' di pratica non lo sarà affatto,...
Cucito

Come realizzare degli asciugamani con ricamo a punto croce

Il punto a croce è, senz'altro, una delle tecniche di ricamo di maggiore esecuzione. Con il punto a croce si possono ricamare delle iniziali su vari tessuti, come spugne, cotone o altre fibre. Si possono, inoltre, eseguire simpatiche tele da appendere...
Cucito

Come realizzare il ricamo a intaglio

Il ricamo è un'arte molto antica che si tramanda di generazione in generazione. Il ricamo ad intaglio è una particolare tecnica conosciuta anche con il nome di "Guipure" e rappresenta sicuramente il ricamo per eccellenza. Si tratta di un'arte diventata...
Cucito

Come eseguire il punto indietro a macchina

State iniziando ad utilizzare soltanto adesso la macchina da cucire? Ciò rappresenta sicuramente un macchinario ottimale in grado di aiutare le persone nelle faccende domestiche, ma non è abbastanza semplice da adoperare (specialmente quando si è alle...
Cucito

Ricamo: punto antico

Il ricamo è un'arte antichissima, presente già nell'antico Egitto, della quale però non abbiamo testimonianze tangibili data la scarsa resistenza al tempo, ma presenti solo sui geroglifici. Dopo questi brevi ma doverosi cenni storici possiamo passare...
Cucito

Come scegliere il cotone da ricamo

Il ricamo è una vera e propria arte che ha decenni di storia e appassiona sempre più persone, di ogni genere ed età. Esso consiste nell'eseguire dei punti con l'ago e con il filo al fine di ornare un particolare tessuto. Il materiale più utilizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.