La migliore ricetta per fare il sidro in casa

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il sidro è una bevanda dalle origini molto antiche, infatti in Normandia veniva consumata già nel Medioevo. Oggi è maggiormente diffusa in aree geografiche come Francia, Germania e Spagna. Si tratta di una bevanda piuttosto acidula, lievemente frizzante con modeste quantità di alcool, che può variare dal 3% al 6% e che profuma leggermente di frutta, grazie ai vari aromi dei frutti dai quali deriva; di solito si tratta di mele, ma in qualche caso si utilizzano anche le pere. Il sidro si abbina in modo perfetto sia con formaggi freschi sia con quelli stagionati.
Vediamo dunque, con questa guida, la migliore ricetta per fare il sidro in casa.

26

Occorrente

  • Mele
  • Mezzo chilo di zucchero
  • Mezzo litro di acqua
  • Acido ascorbico
  • Lievito
  • Imbuto a collo largo
36

Preparazione della purea di mele per il sidro fatto in casa

La ricetta migliore per fare il sidro in casa consiste nel tagliare delle mele a pezzetti e scartarne sia i semi che i picciuoli. Bisogna frullare il tutto assieme a mezzo chilo di zucchero e mezzo litro d'acqua. In caso di mele particolarmente succose, è preferibile diminuire la quantità d'acqua per non avere un sidro troppo acquoso. Una volta ricavata una purea, si potrà aggiungere l'acido ascorbico ed il lievito, da sciogliere in una tazzina d'acqua tiepida, prima che il composto diventi scuro. Procurarsi poi un imbuto a collo largo e far entrare la purea di mele nel fiasco; questo va chiuso con un tappo colmatore che permetterà l'uscita dell'anidride carbonica ed impedirà l’ingresso dell’aria.

46

Fermentazione della purea di mele per il sidro fatto in casa

Per fare il sidro in casa, posizionare la purea di mele ad una temperatura di circa 20°C e far in modo che questa si mantenga stabile poiché una variazione negativa di temperatura potrebbe rallentare, se non bloccare, il processo di fermentazione. Se la temperatura dovesse invece alzarsi si formerebbero dei microrganismi che andrebbero a rovinare il sapore del sidro. Il procedimento è piuttosto lungo e, dato che le parti più dense della purea tenderanno a salire a causa dell'anidride carbonica, una volta al giorno sarà necessario scuotere leggermente il fiasco per mescolare il contenuto. Il sidro fatto in casa sarà pronto dopo circa 15 giorni.

Continua la lettura
56

Imbottigliare il sidro fatto in casa

A questo punto occorre filtrare il liquido con un colino a fori piccolissimi e, per renderlo ancora più limpido, bisognerà filtrarlo con un telo di cotone poggiato su un imbuto. Se ritenuto necessario, si possono anche aggiungere un paio di cucchiaini di zucchero. Le bottiglie vanno poi chiuse con dei tappi ermetici. Così facendo, i lieviti ancora vivi continueranno lentamente a fermentare nella bottiglia.
Infine, per un sidro dal sapore davvero unico, le bottiglie andranno conservate in un ambiente fresco.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La guida è a solo scopo informativo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come rimuovere l'ossidazione dal metallo antico

Rimuovere la ruggine dal metallo antico è una procedura semplice ed immediata. Il processo di ossidazione, infatti, deriva dalla reazione del metallo in presenza di ossigeno ed umidità. L’ossidazione provoca una lenta corrosione, usurando lentamente...
Giardinaggio

Come Riconoscere Una Mela Dalla Polpa Rossa (Geneva Crab)

Le mele sono il frutto più amato da miti, leggende e favole delle quali sono le protagoniste assolute. Croccanti e deliziose, le mele sono un frutto particolarmente importante per il nostro benessere poiché preziose fonti di vitamine e minerali. Le...
Bricolage

Come realizzare un diffusore di anidride carbonica a fermentazione per acquari

Gli acquari specialmente quelli marini e tropicali hanno bisogno di un filtro che gli possa garantire anidride carbonica a sufficienza, per massimizzare la funzionalità di tale ecosistema piccolo. In commercio esistono molti apparecchi atti a svolgere...
Bricolage

Come fare il ghiaccio secco

Il biossido (o diossido) di carbonio non è altro che anidride carbonica. La quale, una volta raggiunta la temperatura di -78°C, diventa ghiaccio secco. L'anidride carbonica, composta da un atomo di carbonio legato a due di ossigeno, è un ossido acido....
Casa

Come produrre ghiaccio secco

Il ghiaccio secco è probabilmente molto conosciuto grazie alle sue qualità sceniche. È infatti molto utilizzato nel mondo del cinema per realizzare un vapore, molto simile al fumo, o il suggestivo effetto della pioggia finta. Il bellissimo effetto...
Bricolage

Come costruire una macchina per acqua frizzante fai da te

In molte case è diventata abitudine scegliere di bere acqua frizzante al posto di quella naturale; c'è chi lo fa per semplice abitudine, chi perché ne apprezza il sapore e chi per digerire meglio. Qualunque sia il motivo, in questa guida vedremo come...
Materiali e Attrezzi

Come costruire uno scacciazanzare

Durante l'estate gli abiti più corti, sia per gli uomini che per le donne, sono un must per sopravvivere alla calura. Ma che dire delle zanzare che prendono d'assalto la pelle scoperta? Pizzichi e gonfiori non sono solo sgradevoli alla vista, ma causano...
Giardinaggio

Come realizzare una cesta in vimini

Il recupero dell'artigianato antico è molto importante per la cultura di un paese. Costituisce parte del suo valore aggiunto e possiede un grande potenziale commerciale. Sono in tanti, infatti, a rivalutare le arti dei nostri nonni. La semplicità dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.