La talpa da giardino: come fare per eliminarla

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Avere un giardino intorno alla propria abitazione è sicuramente il sogno di molte persone. Tuttavia chi ne possiede uno sa bene che spesso esso è rovinato dalla presenza di alcuni fastidiosi animaletti. Uno tra questi è senza dubbio la talpa che può danneggiare il giardino scavando delle antiestetiche buche. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per eliminarla.

25

Occorrente

  • pezzo di stoffa imbevuto di gasolio, canfora o naftalina
  • bottiglie senza tappo
  • trappole per talpe
  • dispositivi elettrici a batterie
35

Agire in tempo

Le talpe sono insettivore e ghiotte di ogni tipo di larve e vermi e, seppure siano quasi completamente cieche, hanno un olfatto ed un udito perfettamente sviluppati. Possiamo riconoscere la loro presenza quando troviamo nel nostro giardino dei piccoli cumuli di terra che, oltre ad essere antiestetici, causano dei veri e propri disastri alle piante. Per evitare il diffondersi del fenomeno è necessario pertanto agire il più in fretta possibile.

45

Usare le bottiglie vuote

Le stagioni dell'anno in cui possiamo notare la loro presenza sono la primavera e l'autunno, in quanto vi è abbondanza di vermi e le talpe possono nutrirsi senza problemi vicino alla superficie mentre in inverno e in estate devono scavare più a fondo nel terreno alla ricerca di cibo. Per questo motivo nelle stagioni fredde o secche risulta più difficile accorgersi della loro esistenza nella nostra terra. Tra i metodi "casalinghi" più utilizzati vi è l'inserimento, all'interno dei cumuli di terra, di un pezzo di stoffa imbevuto di gasolio, canfora o naftalina. Il loro forte odore infatti risulta un ottimo deterrente poiché sgradevole alle talpe. Spesso è efficace anche il posizionamento di bottiglie vuote e capovolte senza tappo nelle tane: queste emetteranno un eco che spaventerà le talpe costringendole a rifugiarsi altrove.

Continua la lettura
55

Usare delle trappole

Se non si vuole adoperare una soluzione fai da te è possibile acquistare un prodotto specifico. In commercio infatti ve ne sono di differenti tipi. Tra quelli maggiormente consigliati vi sono senz'altro le trappole che catturano le talpe senza però ucciderle. Un altro prodotto estremamente efficace è un dispositivo elettrico che va inserito nelle buche ed allontana la talpa emettendo degli ultrasuoni. Quale sia il metodo utilizzato in ogni caso non è importante: quello che conta infatti è raggiungere lo scopo finale. Dopo aver allontanato la talpa è però consigliabile comunque continuare con il metodo utilizzato per almeno altre due settimane, in maniera tale da scongiurare il rischio che la talpa possa ripresentarsi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come liberarsi della talpa in giardino

Fino a poco tempo fa l'habitat naturale delle talpe era rappresentato principalmente dal bosco. Oggi, purtroppo, ad esso si sono aggiunti il nostro giardino residenziali, i prati e gli orti, dove, a quanto pare, si trovano a proprio agio. I segnali di...
Giardinaggio

Cosa fare se si trova una talpa in giardino

Se l'appezzamento di terreno che intendiamo destinare a giardino si presenta con dei vistosi fori, è importante sapere che la zona potrebbe essere invasa dalle talpe, per cui è necessario adottare delle tecniche specifiche poiché i roditori potrebbero...
Giardinaggio

Peronospera: come eliminarla

La natura e le piante offrono sempre uno splendido spettacolo e sono il modo migliore per decorare la propria abitazione. Ma richiedono molta attenzione e cura a causa di funghi e parassiti che spesso si depositano sulle foglie. La peronospera è una...
Giardinaggio

Come fare un giardino inglese in 5 mosse

Se abbiamo un giardino abbastanza ampio ma siamo stanchi del design un po' spartano, ed intendiamo modificarlo rendendolo simile a quello del vicino, magari con un'impostazione stile inglese, è possibile farlo in modo semplice. A tale proposito ecco...
Giardinaggio

Come Liberare Il Giardino Dalla Gramigna

La gramigna è un'erba infestante provvista di un lungo stelo strisciante, sottile e robusto, che propagandosi si radica dando così luogo a nuovi individui. La gramigna è comune nei terreni incolti ma lo è anche nei giardini, dove può rovinare ortaggi...
Giardinaggio

10 consigli per progettare un giardino

Quando si acquista una casa dotata di un ampio giardino, è indispensabile pensare non solo alla ristrutturazione degli interni della casa, ma anche alla possibilità di progettare un nuovo giardino per intero. In questa guida vi elencheremo 10 utili...
Giardinaggio

Idee per realizzare un giardino zen

Fare il Giardino Zen, è una pratica che si è divulgata da pochi anni anche in Occidente. Nasce infatti nella cultura giapponese. Il Giardino Zen non è un giardino nel senso convenzionale del termine, ma ha delle caratteristiche essenziali, la terra...
Giardinaggio

Come sistemare un giardino trascurato

Se il giardino è stato trascurato per un anno o più, sbarazzarsi delle erbacce fornirà una migliore visione della bellezza del giardino stesso. Ci sono due tipi di giardino trascurato: quelli che si ereditano quando si acquista una nuova casa, o il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.