le migliori piante carnivore per eliminare gli insetti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le piante carnivore, denominate anche "insettivore" hanno la proprietà e la caratteristica di consumare ed intrappolare animali e protozoi, in particolar modo gli insetti, allo scopo di nutrirsi. Tale peculiarità è stata ottenuta a causa della loro esigenza a doversi adattare in determinati ambienti (torbiere, rocce affioranti o paludi) privi di nutrienti, come l'azoto. In tal modo le piante carnivore riescono ad integrare, tramite la digestione delle proteine animali, le sostanze ad esse mancanti. Esistono all'incirca 600 specie di piante carnivore, suddivise in diversi generi e famiglie, ma per essere davvero considerate tali, devono avere la capacità di aver sviluppato cinque diversi modi per intrappolare le loro prede: trappole ad ascidio, adesive, a scatto o tagliola, ad aspirazione ed a nassa. Nel primo caso la preda viene catturata all'interno della foglia che ha la forma di una caraffa, dove poi viene digerita. Nel secondo caso le foglie posseggono una sostanza adesiva, la mucillagine, tramite la quale gli organismi rimangono incollati. Le trappole a scatto o a tagliola invece rilevano, attraverso la loro sensibilità, il movimento delle prede e le bloccano al loro interno. Con la trappola ad aspirazione avviene il risucchio della preda tramite l'utricolo, una particolare vescica. Nell'ultimo caso, la trappola a nassa, la pianta possiede dei peli che attraggono le vittime all'interno della pianta stessa, senza dar loro quasi alcuna possibilità di scampo. Vediamo dunque qui di seguito quali sono le migliori piante carnivore per eliminare gli insetti.

26

La Drosera capensis

La Drosera capensis è la più nota fra le piante carnivore, dotata di peli ghiandolari che emettono un liquido colloso. Qualora un insetto si appoggerà su questi peli, rimarrà incollato e successivamente avvolto dagli stessi. Questa pianta trasformerà poi le proteine che trarrà dall'insetto in sostanze ricche di azoto, capaci di essere assorbite.

36

La Dionaea muscipula

La pianta si presenta alta non oltre i 10 cm di altezza e possiede le sue trappole nella zona finale delle sue foglie a cerniera, dotate di setole percettive in grado di attrarre gli insetti. Queste setole, se toccate ripetutamente, riescono a far scattare le foglie ed a farle chiudere, imprigionando gli insetti. Anche in questo caso l’insetto catturato verrà trasformato in nutrimento ricco di azoto per la pianta. Una volta terminato il processo, la Dionaea muscipula riaprirà la trappola per cacciare le prede. In estate la pianta ha un'attività piena, riuscendo a catturare molte mosche ed altri tipi di insetto volante.

Continua la lettura
46

La Sarracenia purpurea

La Sarracenia purpurea si può considerare la più efficace fra tutte le piante carnivore, possedendo delle lunghe foglie che vanno a formare un imbuto formato. Riesce a raggiungere anche i settanta centimetri in lunghezza ed alcune varietà hanno cappuccio colorato, in grado di attrarre gli insetti. Possiede infatti una sostanza narcotizzante che li stordisce, facendoli cadere dentro all'imbuto e facendoli annegare in un liquido presente al suo interno. Può essere coltivata piuttosto facilmente ed i suoi fiori sono molto appariscenti, soprattutto nella stagione primaverile.

56

La Nephentes

La Nephentes possiede delle foglie modificate, denominate "ascidi", tramite le quali gli insetti vengono catturati, non prima di essere stati attirati dal loro colore, nonchè da un tipo di nettare presente sul loro bordo. Il nettare, rendendo viscida la superficie delle foglie, fa cadere l'insetto all'interno della pianta e facendolo annegare, anche in questo caso, in un liquido che si trova interiormente ad essa.

66

Darlingtonia californica

La Darlingtonia californica ha un rizoma breve ed i suoi ascidi possono misurare da qualche centimetro ad oltre un metro. Si presentano di colore verde smeraldo ed a forma di tubo espanso, con un tipico piccolo coperchio in cima, che impedisce all'acqua piovana di diluire il liquido gastrico e viscido presente al suo interno. Il suo nettare attrae gli insetti che, nel volo, urtano sul "coperchio" della pianta, finendo anche stavolta al suo interno, dove verranno digeriti. La Darlingtonia trova il suo ambiente ottimale in una serra fredda, umida, ombreggiata e va tenuta a temperatura il più possibile costante, anche se nella stagione estiva può essere posizionata in zone soleggiate, ma dal terreno umido.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

10 piante carnivore da coltivare in giardino

Nell'immaginario collettivo le piante carnivore sono quelle che ci liberano dalla fastidiosa presenza di insetti e zanzare: ecco perché probabilmente tutti vorremmo averne almeno una in casa. Per non parlare dei più piccoli, che potrebbero stare ore...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore

In questo periodo, le piante carnivore hanno raggiunto davvero l'apice della notorietà: infatti sono sempre di più le persone che si contornano di questi vegetali provenienti da Paesi davvero lontani ma poi, una volta a casa, sanno come comportarsi...
Giardinaggio

Le principali piante carnivore

Belle da vedere ma dal nome strano, di piante carnivore ne esistono circa seicento specie presenti in tutto il mondo. Nonostante l'elevato numero, le stesse piante sono però rare, poiché sopravvivono in luoghi impervi, come paludi e torbiere. L'evoluzione...
Giardinaggio

Come tener lontani i piccioni dalle piante carnivore

Chi ama coltivare piante carnivore, e vive in città, si trova prima o poi alle prese con l'invadenza dei piccioni! Cocciuti e insistenti, questi volatili amano molto i terrazzi come i balconi, dove vengono coltivate queste piante che becchettano in continuazione,...
Giardinaggio

Rimedi naturali per gli insetti delle piante

Con l'arrivo della primavera e dei primi caldi le piante sono letteralmente assalite dagli insetti. Essi sono difficili da scovare perché sono molto abili a nascondersi. Bisogna aguzzare bene la vista perché questi animaletti si mettono tra i germogli....
Giardinaggio

Come attirare gli insetti ‘amici’ delle piante

È risaputo che durante la stagione primaverile sbocciano i fiori e l'armonia diventa più serena. Ecco che gli insetti vengono attratti dalle piante e dai fiorellini. Molti però pensano che essi possano danneggiarle facendole ammalare. Ciò però non...
Giardinaggio

Come rimuovere in modo naturale un'invasione d'insetti dalle nostre piante

Le piante sono per loro natura molto attrattive per insetti e parassiti; in qualsiasi periodo dell'anno sono soggette a malattie causate dalla presenza di questi ultimi. Esistono in commercio diversi prodotti chimici per proteggerle e per allontanare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.