Malattie fungine: come combatterle con i rimedi naturali

Tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Le malattie fungine, che possono colpire le piante che coltiviamo, sono innumerevoli e proliferano indipendentemente dalle nostre accortezze e capacità di giardinieri. Nostro è però il compito d'individuarle tempestivamente, al fine di debellarle nel minor tempo possibile, con un basso dispendio di energie ed un elevato risparmio in termini economici. Il modo più sensato per combatterle è sempre quello di evitare d'intervenire a sproposito con inutili prodotti chimici, ma con rimedi naturali, di seguito vediamo come fare.

211

Occorrente

  • ossicloruro di rame
  • poltiglia bordolese
  • zolfo bagnabile
  • decotto di equiseto
  • macerato di equiseto e/o di ortica
311

Alternariosi è causata da un fungo che prolifera nel terreno, sui residui delle piante già infette e sui semi contaminati, che divengono i principali veicoli di diffusione della malattia. Questa patologia si manifesta sulle foglie con delle macchie gialle e al centro un punto nero, marcescente o lacerato. Sul fusto compaiono dei cancri, sulle ramificazioni e sul colletto ci sono delle lesioni nere, con una strozzatura. Per combatterla, oltre alla distruzione delle piante colpite, usiamo trattamenti con macerato di equiseto, alternato ad un funghicida rameico, direttamente sulla malattia.

411

Antracnosi è una patologia che riguarda le leguminose come i piselli, i fagioli, le fave e i ceci. È favorita dal tempo umido e fresco e dalla permanenza di residui verdi non eliminati e all'inizio si presenta con piccole macchioline color ruggine diffuse su tutti i baccelli. Per combatterla è necessario che utilizziamo dei trattamenti a base di ossicloruro di rame o di zolfo, oltre alla disinfezione dei semi in decotti di equiseto.

Continua la lettura
511

Botrite è una patologia che colpisce sia gli ortaggi, che gli alberi da frutto e i che fiori. Si sviluppa in luoghi non areati e umidi, come le serre e i magazzini. Si riconosce dalla presenza di aree marcescenti sulle piante e dalla successiva formazione di una muffa grigia. Si diffonde rapidamente, è quindi necessario che eliminiamo le parti colpite ed eseguiamo dei trattamenti con propoli, che rinforzano le difese immunitarie delle piante e con ossicloruro di rame.

611

Cladosporiosi è una malattia che colpisce le coltivazioni in serra. Si presenta con piccole macchie gialle o rossastre vicino alle nervature fogliari e se non curata si estende a tutta la foglia, provocandone l'accartocciamento e la morte. Sui frutti si sviluppano macchie marroni e compaiono ulcere con colatura gommosa, che si trasforma in muffa. Per difenderci, affidiamoci ad ampie rotazioni colturali, evitando i ristagni idrici e le concimazioni azotate.

711

Oidio è la più comune fra tutte le patologie fungine ed è facile da riconoscere. In caso di attacco le piante si presentano cosparse di una muffa bianca, simile al borotalco. Se colpisce le foglie o i boccioli, questi non riescono a svilupparsi e appaiono come atrofizzati. Anche se molto diffusa è comunque difficile da debellare in modo definitivo. Preveniamo la malattia, irrorando le colture con decotti a base di equiseto e con la soluzione idro alcolica di propoli. In caso di forte diffusione sono invece necessari dei trattamenti a base di zolfo bagnabile.

811

Peronospora, colpisce prevalentemente le foglie. Sulla pagina superiore troverete delle macchie tondeggianti, mentre sulla zona inferiore si forma una muffa grigia e violacea. Una buona difesa è quella di utilizzare trattamenti a base di poltiglia bordolese e preparati idro alcolici di propoli. Per prevenirla possiamo fare irrorazioni con macerato d'ortica.

911

Sclerotinia. I funghi responsabili di questa patologia causano marciumi a radici, bulbi, fusti e tuberi. Purtroppo resistono nel terreno anche per anni e la diffusione è favorita da un'eccessiva presenza di sostanza organica nel terreno, dall'umidità e dalle alte temperature. Per combatterla, oltre all'utilizzo della comune poltiglia bordolese e all'ossicloruro di rame, possiamo utilizzare anche dei funghi "benefici" antagonisti come il Trichoderma Hartianum e il Trichoderma Viride.

1011

Septoriosi è la più letale fra le patologie e se non curata comporta la distruzione totale di tutti i vasi linfatici della pianta. È riconoscibile dalla presenza di macchie necrotiche brune, circondate da un alone clorotico, sulla tinta fogliare. Ai primi sintomi dobbiamo utilizzare della poltiglia bordolese ed eliminare immediatamente le parti colpite.

1111

Consigli

Non dimenticare mai:
  • aerare spesso le serre e i magazzini
  • evitare di bagnare le foglie durante le annafiature, se non indicato specificatamente nelle norme colturali
  • trattare le piante ai primi sintomi della malattia
  • evitare semine troppo fitte
  • utilizzare solo concime organico ben maturo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Rimedi naturali per gli insetti delle piante

Con l'arrivo della primavera e dei primi caldi le piante sono letteralmente assalite dagli insetti. Essi sono difficili da scovare perché sono molto abili a nascondersi. Bisogna aguzzare bene la vista perché questi animaletti si mettono tra i germogli....
Giardinaggio

Parassiti delle piante: rimedi naturali per eliminarli

Le piante, si sa, sono amate da tutti e presenti pressoché in ogni abitazione. C'è chi le tiene in giardino, chi in balcone, chi in vasi collocati nelle varie stanze per conferire un tocco di calore e colore in più alla propria casa. Il verde, però,...
Giardinaggio

Come proteggere le piante con i rimedi naturali

Mantenere un giardino in perfetta salute è una missione non da poco. Amministrare una spazio con delle piante è un'operazione che richiede tempo ed amore per la natura. Molto spesso è utile proteggere le piante da acari, batteri ed impurità dell'aria...
Giardinaggio

Le principali malattie delle zucchine

La zucchina è una specie della famiglia delle cucurbitacee. È una pianta annuale con fusto erbaceo flessibile strisciante o rampicante, gracile. I frutti della pianta sono utilizzati quando non sono ancora maturi e anche il fiore di questa pianta viene...
Giardinaggio

Prato: malattie e cure

Il prato è una superficie verde che richiede una cura ed un'attenzione tante assidue, quanto quelle dedicate alla coltivazione di una pianta o di un fiore. È fondamentale combattere sia la siccità (irrigando ogni qualvolta il terreno lo richiede) che...
Giardinaggio

Come identificare e curare le malattie degli alberi

Gli alberi e le piante del nostro giardino possono essere affette da molteplici malattie. Determinate condizioni ambientali, facilitano la diffusione delle malattie degli alberi e il loro contagio. Inoltre anche la carenza di alcuni nutrienti minerali...
Giardinaggio

Come evitare le malattie del prato

Un bel prato, verde e rigoglioso, è senza dubbio un segno distintivo per un giardino curato e gradevole. Avere un prato sano e bello può richiedere, però, una manutenzione costante ed intensa. Il prato, infatti, rischia talvolta di manifestare i sintomi...
Giardinaggio

Come trattare le malattie della pianta di spinacio

Mangiare gli spinaci rafforza le difese del sistema immunitario. Inoltre aiuta a prevenire il rischio di infarto. Sono alimenti ricchi di magnesio e ferro. È una pianta che appartiene alla famiglia delle Amaranthacee, originaria dell'Asia occidentale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.