Paste polimeriche: consigli per lavorarle

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le paste polimeriche sono modellabili, atossiche ed a base di cloruro di polivinile. Si trovano in commercio generalmente sotto forma di panetti e meno frequentemente in versione liquida. I panetti sono simili alla plastilina, ma per indurirsi, richiedono una cottura in forno ad una temperatura di circa 120° C. Le paste polimeriche sono di diverse tipologie e colorazioni; esse si conservano per anni e sono resistenti all'acqua. Le più conosciute sono il Cernit, il Fimo, il Prosculpt, il Premo, lo Sculpey che vengono utilizzate per creare piccoli oggetti, miniature e gioielli. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli sulle paste polimeriche e come lavorarle.

25

Occorrente

  • Paste polimeriche
35

Manipolazione

Prima di procedere alla modellazione bisogna manipolare le paste polimeriche. Questa operazione è necessaria per renderle della consistenza giusta ed ammorbidirle. Saltare questo passaggio è rischioso in quanto durante la cottura possono crearsi delle crepe. Il primo passo da fare è quello di dividere la pasta in piccoli pezzi per poterla manipolare facilmente. Se è eccessivamente "soda" bisogna scaldarla con le mani e stenderla con il matterello. L'operazione va ripetuta fino a quando non si ottiene una pasta facilmente lavorabile.

45

Istruzioni

Per lavorare la pasta bisogna lavarsi le mani e pulire il piano di lavoro per evitare di lasciare impronte e macchie. È opportuno indossare dei guanti sottili in quanto le paste possono depositarsi sui polpastrelli e tra le unghie. Se si verificano "incidenti" è possibile pulire la pasta sporca con un pennello imbevuto di alcool. Successivamente si può cominciare la lavorazione della pasta polimerica. La tecnica più semplice, chiamata Skinner Blend, consiste nella creazione di sfumature con l'associazione di sfoglie di colore diverso. Bisogna tagliarle a sezioni ed assottigliarle più volte con la macchina della pasta.

Continua la lettura
55

Tecnica delle murrine e di image transfer

Un'altra tecnica abbastanza diffusa è quella delle murrine. Essa permette di ottenere delle immagini tridimensionali racchiuse in figure geometriche. Ad esempio si può realizzare l'immagine degli scacchi accostando bastoncini di colori alternati oppure una rete avvolgendo piccoli cilindri in una sfoglia di colore diverso ed unendoli tra loro. La procedura più difficoltosa è l'image transfer; consiste nel trasferimento di un'immagine cartacea su una sfoglia di pasta. Bisogna posizionare l'immagine scelta sulla pasta e bagnarla poco alla volta con l'acqua fino a quando la carta si consuma e lascia l'immagine impressa sulla pasta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Paste polimeriche: metodi di incollaggio

Le paste polimeriche rappresentano sostanzialmente dei materiali che vengono ricavati dal petrolio. Esse possono essere modellate a proprio piacimento e diventano dure solamente se cotte all'interno di appositi forni. Al giorno d'oggi le paste polimeriche...
Altri Hobby

Paste polimeriche: guida agli attrezzi

Le paste polimeriche sono paste sintetiche modellabili a base di PVC (polivinilcloruro) e, fattore assai importante, sono completamente atossiche se usate nel modo corretto. Si presentano sotto forma di panetti ed hanno l’aspetto e la consistenza della...
Altri Hobby

Come scegliere le paste modellabili

L'esigenza di ricavare una forma della materia è presente fin dai tempi più antichi. Oggi giorno questa abitudine appena citata non è andata persa, anzi, nel seguente questo campo viene ancora praticata. I principali procedimenti per realizzare una...
Altri Hobby

come realizzare un modellino di veliero in bottiglia

Il veliero è un'imbarcazione caratterizzata essenzialmente dallo scafo e dall'alberatura. Grazie a quell'alone di mistero che lo accompagna da sempre, esso viene anche riprodotto in scala ed inserito in ampolle e bottiglie di ogni forgia. Nei passi di...
Altri Hobby

Come realizzare perle in DAS

Negli ultimi tempi, è divenuto molto di moda l'utilizzo della bigiotteria, che si sta ampiamente diffondendo prendendo il posto della "tradizionale" gioielleria. I bijoux sono spesso di dimensioni più grandi rispetto ai gioielli, e hanno il particolare...
Altri Hobby

5 consigli sulla fotografia naturalistica

In tutta sincerità, pochissime persone non sopportano la natura. Ancor meno sono quelli che rimangono impassibili davanti a una bella fotografia naturalistica. Per chiarirci, sto parlando di quella branca piuttosto corposa della fotografia che dedica...
Altri Hobby

Consigli per costruire un puzzle con carta riciclata

Il puzzle è un gioco creativo e divertente. Basato sull'incastro di piccoli elementi di carta, che alla fine compongono un'immagine. Il puzzle nacque a Londra nella seconda metà del 1700 dall'inventiva di un incisore, nonché cartografo: John Spilsbury....
Altri Hobby

5 consigli per dipingere sul compensato

La bella arte di dipingere sul compensato, è semplice reperire il materiale grezzo da scarti di materiale da artigiani falegnami o da qualche negozio fai da te che lascia nella pattumiera questo tipo di materiale, con questa guida, che spero sia utile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.