Paste polimeriche: cosa sono

Tramite: O2O 24/10/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Le paste polimeriche sono materiali plastici sintetici, spesso ricavati dal petrolio, con caratteristiche peculiari che le rendono molto adatte ad impieghi artistici. A differenze dell'argilla e del das, che si seccano e diventano duri a contatto con l'aria, le paste polimeriche rimangono duttili e malleabili fino a che non sono cotte nel forno, seguendo delle regole ben precise. In questa guida analizziamo le varie paste polimeriche esistenti in commercio.

29

Occorrente

  • Fimo
  • Sculpey
  • Kato
  • Cernit
  • Strumenti per la creta
  • Pentola per cuocere i lavori
  • Piano di lavoro
39

Conoscere il fimo

La più antica pasta polimerica è senz'altro il fimo, ideata da Kaethe Kruse, nel lontano 1939. La Kruse provò nuovi materiali per plasmare la testa delle bambole, ed arrivò ad inventare il fimo, una sostanza molto duttile e malleabile ma poco utilizzabile a fini industriali. Per questa ragione fu scartato immediatamente. Nel frattempo, la figlia di Kaethe (Sophie, soprannominata Fifi) si divertì a lavorare con i resti delle scorte del fimo, colorandoli, plasmandoli e creando molti oggetti decorativi. Nel 1954, la creatrice delle bambole Kaethe Kruse decise di immetterlo in commercio con la denominazione di "fimoik". Il nome fimo deriva dal soprannome della figlia e dalla parola "mosaik". Lavorando già nel settore dei giocattoli, la Kruse riscosse subito un grande successo, tanto che dieci anni dopo vendette i diritti d'autore ad un colosso del settore, Faber.

49

Usare il fimo

Il fimo è disponibile sia monocromatico che con simpatici temi prestampati per estrusione che consentono al creazione di temi particolarmente interessanti. Il fimo deve essere cotto a 110 gradi per un tempo che varia in base alle dimensioni dell'oggetto da realizzare. Se viene cotto troppo poco o troppo a lungo diventa friabile e poco resistente, mentre se cuoce a temperature troppo elevate, libera delle sostanze tossiche e potenzialmente pericolose per la salute. Per questa serie di motivi è opportuno che chi vuol provare a plasmare con il fimo abbia un proprio forno e degli accessori che saranno usati solo per questo materiale come una pentola oppure una ciotola e naturalmente un coperchio. Esistono 72 tipi di fimo, con colori ed effetti diversi l'uno dall'altro, e sono disponibili accessori, colle, vernici, finiture realizzate appositamente per non interagire con il fimo. Ricorrendo a prodotti non adatti, si rischierebbe di rovinare la pasta, facendola sciogliere, diventare collosa, non cuocere abbastanza e dando luogo a prodotti tossici. Oltre a tutti gli accessori e alle varietà, su internet si trovano anche innumerevoli guide, tutorial, istruzioni ed idee, oltre a video che spiegano passo passo come lavorare con questo simpatico materiale.

Continua la lettura
59

Usare il cernit

Il cernit è un prodotto molto simile al fimo, ma meno malleabile, quindi adatto a persone un po' più esperte, e preparate nell'impiego di strumenti un po' più specifici per la modellazione. È disponibile in colori più naturali, e presenta un miglior "effetto porcellana". Le modalità di cottura sono simili al fimo, ma la temperatura richiesta è un po' più alta e deve essere compresa tra 110 e 130 gradi. Tuttavia, è possibile bollirlo in acqua per 20-25 minuti per ottenere oggetti abbastanza duri. Il cervit, come il fimo, richiede l'uso di un proprio forno e attrezzature dedicate. Con questo materiale si possono realizzare anche oggetti molto dettagliati, ma si deve comunque prestare attenzione a non lasciare parti troppo sottili perché inevitabilmente si rompono. Le misure purtroppo per noi si imparano solo con l'esperienza.

69

Usare il kato

Il kato è un altro materiale abbastanza noto, definito "l'argilla polimerica fatta da un artista per un artista". Il suo nome deriva da Donna Kato, che partecipò alla sua realizzazione. È un prodotto molto malleabile e stabile, sia dal punto di vista strutturale che dal punto di vista del colore. I tempi di cottura sono molto ridotti e corrispondono a circa 10 minuti. Quindi, una volta che viene scolpito non si deforma tanto facilmente. La sua consistenza è sostanzialmente quella dell'argilla, e si lavora con un po' di forza usando gli stessi principi e strumenti che si impiegano per la comune argilla naturale.

79

Usare lo sculpey

La pasta sculpey è quella con la texture più soffice, adatta anche per gli scultori senza grande esperienza. Questo è un prodotto che deve essere cotto a 130 gradi per un tempo di 15 minuti circa. I lavori che si possono realizzare si riconoscono per linee smussate ed i profili arrotondati perché purtroppo questo materiale non regge bene se ridotto a lamine o cilindretti troppo sottili. Con un po' di esperienza però si riescono ad aggirare molte delle problematiche relative alla plasticità di questo materiale e a scendere in dettagli davvero notevoli. Per molti non si tratta comunque di un buon materiale per iniziare a fare esperienza con i polimerici.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Iniziate sempre con forme semplici e arrotondate, assottigliando progressivamente le linee
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come scegliere le paste modellabili

L'esigenza di ricavare una forma della materia è presente fin dai tempi più antichi. Oggi giorno questa abitudine appena citata non è andata persa, anzi, nel seguente questo campo viene ancora praticata. I principali procedimenti per realizzare una...
Altri Hobby

come realizzare un modellino di veliero in bottiglia

Il veliero è un'imbarcazione caratterizzata essenzialmente dallo scafo e dall'alberatura. Grazie a quell'alone di mistero che lo accompagna da sempre, esso viene anche riprodotto in scala ed inserito in ampolle e bottiglie di ogni forgia. Nei passi di...
Altri Hobby

Come realizzare perle in DAS

Negli ultimi tempi, è divenuto molto di moda l'utilizzo della bigiotteria, che si sta ampiamente diffondendo prendendo il posto della "tradizionale" gioielleria. I bijoux sono spesso di dimensioni più grandi rispetto ai gioielli, e hanno il particolare...
Altri Hobby

Come realizzare una cover in fimo

Il fimo è una pasta polimerica, ossia composta da polimeri sintetici, malleabile e modellabile, disponibile in commercio in vari colori, persino glitterati e fluorescenti al buio. A differenza della semplice plastilina (di norma di origine naturale ed...
Altri Hobby

Come realizzare una calamita per il frigo con il das

Le calamite da apporre sulla parete esterna degli elettrodomestici, in particolar modo del frigorifero, rappresentano una soluzione davvero simpatica e soprattutto che può essere molto utile per tenere in ordine fogli sui quali scrivere appunti, liste...
Altri Hobby

Come modellare il cernit

Il cernit fa parte della categoria di pasta modellabile insieme al fimo, alla plastilina, al das, alla creta e via dicendo. La caratteristica che la distingue dalle altre e l'avvicina maggiormente al fimo e alla creta è la possibilità di cuocere al...
Altri Hobby

Come identificare le monete antiche cinesi

Se siete degli appassionati di storia antica o se semplicemente avete ritrovato una vecchia moneta e volete sapere a che periodo appartiene allora siete capitati sulla guida giusta. Oggi infatti vi parleremo delle antiche monete cinesi. In particolare...
Altri Hobby

Come creare un paesaggio natalizio in un barattolo di vetro

Come ogni anno, la magia del Natale tinge di mille colori il grigio cuore dell'inverno. Un tocco leggero che di colpo illumina le strade, fa scintillare le vetrine dei negozi e rende le nostre case più accoglienti. Perché allora non lasciarci ispirare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.