Patologia vegetale: le fanerogame parassite

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La natura costituisce una grande fonte per l'umanità e non solo serve a far vivere meglio l'uomo, ma offre alla vista uno scenario meraviglioso da ammirare con tutti i suoi colori e le sue sfumature. Tuttavia, chi è appassionato di piante e fiori, sa bene che esse necessitano di numerose cure ed attenzioni affinché possano preservare la loro bellezza e salute. Esistono infatti anche per i vegetali una serie di problemi e patologie che potrebbero minare il loro benessere. Una patologia vegetale piuttosto comune e seria è quella delle fanerogame parassite. Vediamo in questa guida di cosa si tratta.

24

Quando si parla di fanerogame parassite si intendono delle piante la cui principale caratteristica è quella di vivere mantenute da altri vegetali. Esse si dividono in due principali tipologie: quelle parzialmente parassite e quelle interamente parassite. Quelle parzialmente parassite solitamente dispongono delle radici e delle foglie verdi, oppure possono avere soltanto quest'ultime, come ad esempio il vischio che muta le sue radici in austori penetrando all'interno dei tessuti del vegetale su cui stanno crescendo e prosperando. Quelle invece interamente parassite mancano sia di radici che di foglie verdi e vivono completamente a spese di altre piante.

34

Gli austori sono delle basi modificate che permettono di effettuare il collegamento tra un corpo ed un altro per potersi nutrire l'una della risorse dell'altra. Questo rapporto parassitario può avvenire tra piante del tutto diverse e il tipo di relazione che si instaura può essere di vario genere: emiparassite, oloparassite, parassite obbligate e parassite facoltative. Nel primo caso si stabilisce una connessione con lo xilema e avviene il trasferimento dell'acqua e di tutti i nutrienti indispensabili. La oloparassite consente di avere acqua, sali e carbonio organico e la pianta che ne usufruisce non contiene clorofilla.

Continua la lettura
44

Negli ultimi due casi lo sviluppo parassitario della pianta può avvenire sia in assenza che in presenza della pianta ospite. Essa non deve essere costantemente presente durante tutto il processo di maturità delle fanerogame, ma basta che lo siano nel momento della nascita e dello sviluppo iniziale. Ovviamente per preservare il vegetale originario si deve fare in modo che le ospitate siano isolate altrimenti continueranno a nutrirsi del primo per tutto il tempo in cui ne avranno bisogno. Facendo caso ai dettagli delle foglie, delle radici e del tronco, ci si potrà rendere conto della presenza di questa particolare patologia vegetale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la luffa o spugna vegetale

La luffa è una pianta molto particolare che produce un frutto dal quale si ricava una spugna. Basterà piantare il seme di un tipo di zucchina per ottenere spugne vegetali, del tutto naturali. La pianta appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, proviene...
Giardinaggio

Come coltivare le fave nell'orto

In alcune zone della Sicilia novembre è il periodo giusto in cui si piantano le fave, mentre nelle zone settentrionali bisogna aspettare la fine dell'inverno. Questo vegetale si adatta con facilità a tutti i tipi di terreni, purché non si presentino...
Giardinaggio

Come riconoscere le malattie delle piante

Avere il pollice verde significa conoscere approfonditamente le esigenze delle piante, la loro fragilità e la loro vulnerabilità. Saper prevenire ed eventualmente curare le malattie delle piante è fondamentale sia per eseguire un'adeguata opera di...
Giardinaggio

Come fare la potatura di risanamento

La potatura è un elemento molto importante della cura delle nostre piante. Non è solo una questione estetica, ma anche soprattutto una questione di salute. La cosa è ben evidente, ad esempio, nelle piante da frutto. Infatti, una buona potatura permette...
Giardinaggio

Combattere La Fusariosi

La fusariosi è una patologia, spesso dannosa, che colpisce diversi tipi di piante ed è determinata dallo svilupparsi di alcune specie fungine appartenenti al genere Fusarium; una parte di questi funghi, che vive comunemente nel terreno, è dunque fitopatogena,...
Giardinaggio

Malattie fungine: come combatterle con i rimedi naturali

Le malattie fungine, che possono colpire le piante che coltiviamo, sono innumerevoli e proliferano indipendentemente dalle nostre accortezze e capacità di giardinieri. Nostro è però il compito d'individuarle tempestivamente, al fine di debellarle nel...
Giardinaggio

come riconoscere e prevenire la tristezza degli agrumi

La tristezza è una sintomatologia dell'essere umano che, lungo il corso della vita, qualche volta fa capolino in ognuno di noi: anche nel mondo vegetale però esiste la tristezza, ma non come la intendiamo noi. Molti di voi hanno sicuramente storto il...
Giardinaggio

Come scegliere le piante rampicanti per il terrazzo

Avete la fortuna di possedere un appartamento caratterizzato dalla presenza di un terrazzo? State pensando di renderlo più splendido con alcune piante rampicanti? La prima caratteristica da valutare con estrema attenzione riguarda lo spazio che sia ha...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.