DonnaModerna

Piante pensili giapponesi: come fare le Kokedama

Di: Team O2O
Tramite: O2O 05/09/2022
Difficoltà:media
14

Introduzione

Piante pensili giapponesi: come fare le Kokedama

La cultura e le tradizioni giapponesi hanno sempre avuto molto fascino, per via del significato di cui spesso sono ammantati. Lo stesso discorso vale per la cosiddetta "arte vegetale", riguardante piante e giardini: il fenomeno del momento riguarda il Kokedama. Si tratta letteralmente di piante sospese in aria, dall'aspetto simile a piccoli bonsai: sono composizioni molto scenografiche e, se ben curate, anche molto resistenti.

24

Kokedama: significato e preparazione

Il Kokedama è un antico metodo di coltivazione nato in Giappone nel '600 e consiste nel coltivare piante non in vaso realizzando una sorta di sfera vegetale, composta da muschio, argilla e terriccio. Le Kokedama, per la loro composizione, sono state progettate proprio per resistere a lungo, praticamente senza cure costanti. Possono utilizzarsi diverse tipologie di piante di piccole dimensioni, da quelle ornamentali (felci, begonie e orchidee) a quelle aromatiche (lavanda, timo e salvia) fino a quelle grasse. Proprio queste ultime si rivelano ideali per creare le Kokedama, essendo di solito piante di piccole dimensioni che crescono lentamente.
Il primo passo da fare per preparare in casa le Kokedama è preparare una palla composta da argilla espansa drenante (akadama), terriccio fangoso e acido (ketotsuchi). Il prossimo passo è inserire, in questa palla vegetale, la pianta, facendo penetrare bene le radici all'interno.

34

Il Kokedama: composizione scenografica e facile da curare

La palla di terriccio, con tanto di pianta, deve essere ricoperta con del muschio precedentemente inumidito in acqua, in modo da farlo aderire perfettamente a tutta la superficie. Avvolgere poi uno spago attorno al Kokedama in modo da mantenere sempre più compatta la forma sferica, con la possibilità anche di appendere la composizione vegetale. Prima però è importante immergere il Kokedama, per almeno un paio di ore, in acqua, in modo che le radici la assorbano il più possibile. Solo dopo aver fatto sgocciolare il tutto, è possibile sistemare il Kokedama nell'angolo prescelto.

Soppesandolo nel tempo, è facile capire se il Kokedama ha bisogno di acqua, ossia quando è secco e leggero: in quel caso si può innaffiare tramite uno spruzzino o immergendo ancora una volta la sfera in acqua.

Continua la lettura
44

Leggenda

Si narra che il Kokedama sia stato inventato da un contadino giapponese che era talmente povero da non potersi permettere un semplice vaso per curare la sua amata piantina: fu così che ideò un miscuglio di fango e muschio, dove la pianta crebbe sana e rigogliosa.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come trasformare tazze e teiere in simpatici vasi per le piante

Tazze e tazzine, anche se sbeccate o rotte, possono diventare bellissimi vasi per piante di tutti i tipi. Potrai inserirli nell'aiuola di casa, oppure sul balcone e creare angoli suggestivi anche indoor. Ecco come fare e tante idee facili da replicare.Per...
Giardinaggio

Come identificare le piante succulente

Le Piante succulente fanno parte della categoria di vegetali che crescono nelle zone aride. Esse vengono dette anche piante grasse e ne esistono un'infinità di specie. Questo genere di piante sono capaci di raccogliere tanta acqua per tanto tempo. Per...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

10 piante adatte a zone con poco sole

Per rendere un terrazzo o un balcone decorativo è essenziale aggiungere delle piante. Questo, infatti, diventa un problema per chi vive in zone con poco sole. Ma, occorre sapere che esistono piante che vivono bene, anche con questo clima. Infatti, la...
Giardinaggio

Come concimare le piante acquatiche

Proprio come tutte le altre piante, anche quelle acquatiche hanno bisogno di essere concimate per essere in grado di prosperare in un giardino d'acqua. E, proprio come le piante normali, esistono diversi modi in cui si possono fertilizzare, con diversi...
Giardinaggio

Come Difendere Le Giovani Piante Dagli Animali Selvatici

Le piante giovani e molto piccole sono facilmente esposte ad l'attacchi di piccoli animali erbivori selvatici o da allevamento, provocando in taluni casi dei danni non indifferenti. Gli animali selvatici possono compromettere la vitalità delle giovani...
Giardinaggio

Come annaffiare le piante grasse

Le piante grasse sono degli esemplari vegetali che hanno bisogno di particolari attenzioni. Ma ogni specie va trattata in modo diverso. Queste vengono classificate piante molto peculiari e singolari sia nella morfologia che nella necessità che presentano....
Giardinaggio

Come accelerare la crescita delle piante

Coltivare le piante e farle crescere al meglio non è semplice e richiede sia pazienza sia passione. Per tutti gli amanti del verde far crescere le proprie piante è sempre motivo di orgoglio, ma bisogna conoscere profondamente le caratteristiche delle...