Prato sintetico: errori da evitare nella cura

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per giardini, terrazze e parchi giochi (in questo caso per attutire eventuali cadute), il prato sintetico si utilizza tutte le volte che non è possibile realizzare un prato naturale. Questo manto erboso sintetico si usa infatti soprattutto per le aree sportive: campi da calcio, da tennis, da golf e così via. È ideale, ad esempio nell'ambito della ristorazione, anche per pavimentare le zone esterne destinate all'uso del pubblico. Il prato sintetico si definisce infatti come "la moquette da esterno" ed è disponibile in vari colori, pur presentandosi comunemente in verde. Chiamato anche "erba sintetica", esso necessita di meno attenzioni rispetto al prato naturale. Non richiede infatti frequenti innaffiature o tosature. Occorrono comunque determinati accorgimenti, per evitare che si rovini e per garantirgli una lunga durata. Pertanto occorrerà eseguire una corretta manutenzione, al fine di conservarlo ottimamente. Vediamo dunque quali sono gli errori più comuni da evitare nella cura del prato sintetico.

26

Trascurare la pulizia frequente del prato

Il prato sintetico, essendo collocato all'esterno, si sporca con facilità. Una pulizia frequente è pertanto necessaria. Dovremo rimuovere con le mani (debitamente protette dai guanti) o con una paletta tutti i detriti più voluminosi, come carta, sassi e rifiuti vari. Muniamoci poi di una scopa dalle setole fitte e spazzoliamo l'erba minuziosamente. È consigliabile l'eventuale uso di un aspirapolvere, per una rimozione più accurata della sporcizia.

36

Usare detergenti aggressivi

Proseguiamo la manutenzione del nostro prato sintetico lavandolo a secco, oppure semplicemente con acqua e sapone. Verifichiamo tuttavia che i prodotti che stiamo utilizzando siano delicati ed adeguati al lavoro che stiamo effettuando. Articoli di pulizia troppo aggressivi o troppo acidi macchierebbero irrimediabilmente la nostra erba sintetica.

Continua la lettura
46

Lasciare residui di sapone

Se abbiamo deciso di usare acqua e sapone per pulire il prato sintetico, cospargiamoli sul prato tramite l'utilizzo di una semplice scopa, meglio se dalle setole morbide. Infine sciacquiamo abbondantemente l'intera superficie e controlliamo di averlo efficacemente liberato da tutti i residui di sapone.

56

Calpestare il prato ancora bagnato

Terminiamo il lavaggio ed il risciacquo del manto erboso e lasciamolo asciugare molto bene. Una volta asciutto, potremo nuovamente calpestarlo. Nella stagione estiva è bene effettuare il lavaggio del prato sintetico al mattino presto, prima che il calore del sole diventi forte. Dovremo infatti evitare che i prodotti usati per la pulizia si secchino troppo rapidamente. Solo successivamente lasceremo che i raggi del sole asciughino il nostro prato sintetico.

66

Tralasciare l'immediata rimozione di escrementi animali

Controlliamo attentamente il prato sintetico, per verificare l'eventuale presenza di escrementi animali. Poniamo particolare attenzione nella verifica, specialmente nel caso in cui possediamo un animale domestico. Effettuiamo un'immediata rimozione degli escrementi e procediamo ad una accurata pulizia del prato sintetico, al fine di eliminare del tutto qualsiasi sgradevole esalazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Manutenzione e cura del prato

Accanto a tutte le piante c'è sempre un prato più o meno folto e sparso per il terreno. In realtà anche questo come tutti gli altri vegetali è in grado di riprodursi. Ma ovviamente per mantenerlo perfetto va curato. La crescita dipende dalle attenzioni...
Giardinaggio

5 consigli per la cura del prato in primavera

L'inverno sembra non abbandonare la sua stretta morsa, ma in molti si è già proiettati verso l'arrivo della tanto attesa primavera. I colori, i profumi, i germogli che spuntano delle piante che abbiamo cercato di preservare dal freddo, la voglia di...
Giardinaggio

Cura della azalea: 5 errori comuni da evitare

Durante la festa della mamma o qualche altra campagna benefica, vi sarà certamente capitato di intravedere nelle piazze dei bellissimi fiori colorati in vaso: questi erano probabilmente i fiori dell'azalea. Durante la primavera, queste meravigliose piante...
Giardinaggio

Cura dell'oleandro: 5 errori comuni da evitare

L'oleandro è una bellissima e fantastica pianta. Essa è conosciuta anche per essere un arbusto sempreverde, cioè per arbusto si intende un vegetale che è simile ad un albero e i propri rami si separano dal tronco principale quando sono posizionati...
Giardinaggio

Errori da evitare nella cura delle gerbere

Le gerbere sono piante che appartengono alla specie delle Asteraceae con bellissimi fiori colorati che vanno dal fuxia, al rosa, all'arancione. Se si vuole stupire qualcuno con un mazzo di fiori, sicuramente in esso ci saranno delle gerbere, perché questi...
Giardinaggio

Cura delle piante rampicanti: errori da evitare

Tra le piante ornamentali che non possono mancare nel proprio giardino sono sicuramente le rampicanti. Sono delle piante che non richiedono molta manutenzione ma che comunque bisogna prestare le giuste cure per mantenerla rigogliosa e ordinata. Ma come...
Giardinaggio

Cura delle piante aromatiche: 5 errori comuni da evitare

Le piante aromatiche sono degli ospiti indispensabili dei nostri balconi o dei terrazzi. Non soltanto in quanto le erbe da cucina tenute in casa sono sicuramente più economiche e genuine rispetto ad altre, ma anche e soprattutto perché la cucina...
Giardinaggio

5 errori da evitare nella cura di una pianta grassa

Se abbiamo intenzione di coltivare e curare una pianta grassa, è importante conoscerla a fondo per evitare di commettere degli errori, che potrebbero vanificare il lavoro. Si tratta infatti, di una tipologia di pianta che richiede una cura appropriata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.