Punto croce: tecniche per ottenere un retro perfetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per le amanti del ricamo, una delle tante attività che si possono scegliere per dar libero spazio alla propria creatività è il punto croce. Questo tipo di tecnica ha bisogno di: una tela particolare chiamata tela Aida, un ago e del filo di cotone. Ricamare a punto croce è davvero facile ed intuitivo, basta realizzare tante croci con il filo, facendolo passare nei piccoli buchi della tela. Ma ottenere un ottimo risultato nella parte frontale è importante tanto quanto ottenere un retro preciso, perché se la nostra tela non verrà applicata su altre stoffe, avremo uno dei lati uguale ad un intreccio caotico di fili. Vediamo qui di seguito quali sono le tecniche per ottenere un retro perfetto.

27

Occorrente

  • Tela Aida
  • Filo da ricamo
  • ago medio
37

Per realizzare un retro perfetto bisogna lavorare sempre allo stesso modo per tutto il nostro disegno. Questo significa che non dobbiamo fare una croce a destra, poi una a sinistra, poi una di nuovo a destra e così via. In questo modo, infatti, non solo otterremo un retro pasticciato e pieno di fili che si allungano per tutta la tela, ma rischieremo anche di consumare più filo di quanto sia necessario. Inoltre, un retro disordinato, comporta il rischio di creare nodi durante il ricamo o di intrecciare i fili, tirando così la trama della nostra tela.

47

Se si procede, invece con uno schema ben preciso come ad esempio andando prima da sinistra verso destra e poi dall'alto verso il basso, avremo sulla parte posteriore della nostra tela, una trama con tanti fili posizionati verticalmente uno sotto l'altro oppure ad "L". Facciamo quindi il nodo al nostro filo per iniziare ed inseriamolo nella tela a partire dal retro, facendolo sbucare sulla parte frontale, così da creare la prima metà della nostra croce. Rinfiliamo il filo creando una diagonale e facciamolo sbucare di nuovo nel foro subito affianco a quello in cui siamo appena passati. Creiamo ora una nuova diagonale parallela a quella appena fatta. Continuiamo così fino alla fine della prima riga, ottenendo una fila di diagonali e poi torniamo indietro chiudendo ogni croce.

Continua la lettura
57

Continuiamo lavorando così fino alla fine della zona del disegno che ha quel colore. Quando dobbiamo cambiare colore, non lasciamo il filo sospeso o rischiamo che si intrecci con gli altri fili. Chiudiamo con un nodino, tagliamo il filo in eccesso e continuiamo con l'altro colore seguendo i passi fatti in precedenza. Anche se ci dovessero essere due zone del disegno che hanno lo stesso colore, ma sono lontane, preferiamo sempre l'interruzione del lavoro e la successiva ripresa con un altro pezzo di filo. Se allungassimo il filo, infatti, potremmo rischiare che la tela si contragga tirata dal filo stesso.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per velocizzare il ricamo è meglio non usare il telaio
  • Ogni volta che terminiamo una porzione di ricamo chiudiamo con un nodo, piuttosto che passare il filo tra la trama della tela, così da non avere fili sospesi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Piegare Un Tovagliolo Creando Una Taschina Per Riporre Le Posate

Di sicuro vi è capitato di sedervi ad una tavola ben imbandita e notare la ricercatezza e particolarità con cui è stata apparecchiata. Potrete ammirare una bella tovaglia, simpatici piatti e bicchieri, ma anche la piegatura dei tovaglioli fa risaltare...
Altri Hobby

Come fare fiori stilizzati con punto croce

Il punto croce è una tecnica molto antica di ricamo che si realizza su una tela che presenta una trama regolare e larga in modo tale da permettere il conteggio di tutti i fili. Si tratta di un'arte molto antica e i primi lavori di tale arte risalgono...
Cucito

Come riprodurre la trama di tessitura del ragno

La ragnatela si compone di sottili fili microscopici che i ragni costruiscono con lo scopo di intrappolare le proprie prede. Questo materiale viscoso serve come struttura grazie alla sua resistenza confrontabile all'acciaio di alta qualità. La capacità...
Cucito

Come ricamare una tovaglia a punto svizzero

Il ricamo a mano oltre che a rendere il nostro corredo più bello, lo impreziosisce. Esistono tantissimi punti da ricamo da quelli più antichi a quelli più attuali, in genere il ricamo abituale va fatto sulla stoffa a tinta unita e dai toni chiari....
Cucito

Come ricamare a punto Rodi

Riuscire ad ottenere il proprio manufatto preferito è uno degli obiettivi maggiormente ambiti dalle persone. Che si tratti di lavoro, passione o hobby, non importa: l'importante è che sia appagante e piacevole per il soddisfacimento dei propri bisogni....
Cucito

Consigli per imparare a ricamare

Con il termine ricamare si intendono un insieme di attività atte alla creazione di decorazioni, ottenute avvalendosi di filati e tessuto di vario genere. Si può ricamare su un canovaccio usando seta, cotone, filati misti, od anche avvalendosi di uncinetto...
Cucito

Come realizzare una scritta col punto croce

Il punto croce è un'antichissima tecnica di ricamo che si può eseguire su canovaccio, lino o tela aida, basta che il tessuto abbia una trama regolare. Il punto croce, proprio perché semplice da imparare, è ancora oggi molto diffuso e viene utilizzato...
Cucito

Come si ricama a punto principessa

L'arte del ricamo è molto antica, e veniva tramandata di madre in figlia. Al giorno d'oggi l'uso di ricamare si è un po' perduto, ma c'è ancora chi si diletta con ago e filo per adornare vestiti, tendine, centrotavola. Quando si ricama, ci sono molti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.