Taffetà: consgili utili per non rovinarla

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se siete amanti della moda e di tutto quello che riguarda l'abbigliamento e il ben vestire, ma anche dell'arredamento di un certo livello, sicuramente apprezzerete molto un tessuto di origine persiana chiamato taffetà. Il taffetà richiama epoche passate, quando gli abiti venivano cuciti completamente a mano con trame molto ardite. Oggi questo tessuto, che si avvicina molto alla seta, si utilizza sia per la realizzazione di abiti che di arredi pregiati. Se avete in casa un capo di abbigliamento, una sciarpa o un tendaggio realizzato in taffetà, dovete trattarlo con estrema cura perché è un tessuto davvero molto delicato. Ecco quindi alcuni utili consigli per non rovinarla.

26

Non esporre alla luce diretta del sole

Il primo consiglio per non rovinare il taffetà è quello di non esporre questo tessuto alla luce diretta del sole: la fibra con cui è realizzato questo tessuto è davvero delicata e un'esposizione continua potrebbe danneggiarla irrimediabilmente, soprattutto per quello che riguarda i colori.

36

Non utilizzare lacca o profumo

Se c'è un prodotto con cui il taffetà non va assolutamente d'accordo, questo è l'alcool: ricordate sempre, per non rovinare un abito in taffetà, di non utilizzare profumi o lacca per i capelli, che sono solitamente ad elevata concentrazione alcolica. Se proprio non potete fare a meno di questi prodotti per una serata o un'occasione speciale, spruzzateli su corpo e capelli prima di vestirvi, lasciate asciugare con cura e solo in un secondo momento indossate il vostro abito.

Continua la lettura
46

Lavare a secco

Tra i consigli per non rovinare un abito o un tendaggio in taffetà c'è quello di lavare sempre a secco, meglio se presso una tintoria di fiducia. Non è assolutamente vietato il lavaggio in lavatrice, ma per evitare spiacevoli inconvenienti, visto il pregio del tessuto, è opportuno farlo lavare solo da professionisti del settore.

56

Non utilizzare l'asciugatrice

Un altro consiglio utile per non rovinare il taffetà è quello di non metterlo mai in asciugatrice: questo apparecchio rischierebbe di rovinare le fibre e i colori del tessuto, viste le alte temperature. Inoltre potrebbe stropicciarlo in maniera permanente: molto meglio asciugare il capo in un luogo riparato dal sole, abbastanza ventilato. Ricordate che il taffetà mantiene la piega di quando viene steso: meglio stenderete, più sarà impeccabile.

66

Non stirare

È preferibile non stirare i capi in taffetà, o farlo fare solo da un professionista: le alte temperature sono nemiche di questo tessuto e i rischi di rovinarlo sono sempre dietro l'angolo. Inoltre se riuscirete a stendere al meglio un capo in taffetà, esso manterrà la piega che gli avete dato senza bisogno di essere stirato. Non provate assolutamente a stirare capi in taffetà stropicciati, perché essi hanno proprio quella caratteristica e le pieghe non vanno rimosse.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come cucire un coprispalle in taffetà

All'interno della guida che seguirà, gentili lettori, andremo ad occuparci di un tema classico: il cucito. Lo faremo, nello specifico, per capire come poter cucire un coprispalle in taffetà.Divideremo questa guida in passaggi, andando step dopo step...
Cucito

Come cucire un tessuto di taffetà

Se gli abiti delle principesse o le lussuose tende nelle riviste di arredamento dovessero essere cuciti con una particolare stoffa, staremmo senza dubbio parlando del pregiatissimo taffetà. Se si vuole smettere di sognarli, basta una macchina da cucire...
Cucito

Oggettini utili da fare all'uncinetto

Oggigiorno la tecnologia ha sostituito molte attività e passatempi che prima costituivano il centro di interessi e di ritrovo sociale per grandi e piccoli, senza distinzione alcuna si poteva benissimo entrare in un piccolo circolo e far parte di una...
Cucito

Come riutilizzare le sciarpe di lana

Negli ultimi anni va sempre più di moda l'arte del riciclo. Infatti moltissime persone evitano di buttare via oggetti e vecchi indumenti e li riutilizzano in svariati modi. L'arte del riciclo ha coinvolto tutti che mettono in campo la loro creatività....
Cucito

Come stirare un abito da sposa

L'abito da sposa rappresenta per ogni donna il capo d'abbigliamento più importante, perché legato a un momento indimenticabile della propria esistenza: il giorno del proprio matrimonio. Data la loro importanza, gli abiti da sposa sono realizzati quasi...
Cucito

Come realizzare un costume da geisha per Carnevale

Questa guida è pensata per coloro che amano sfoggiare un costume di carnevale elegante e molto femminile. Chiaramente realizzarlo interamente con le vostre mani lo renderà unico e vi darà molta soddisfazione. Un costume da geisha, ricco di colore e...
Cucito

Come realizzare un top in seta

Acquistare molti vestiti rappresenta per la maggior parte delle donne una passione incontrastabile. Sicuramente nei diversi ed affascinanti negozi, si possono trovare le più svariate marche e deliziosi modelli da scegliere per qualunque occasione. In...
Cucito

Come accorciare un cappotto di pelle

Essere sempre alla moda, ma al tempo stesso stare comodi, è sicuramente molto importante per tutti voi. Dato il cambio di stagione imminente avrete avuto modo di fare anche il cambio dell'armadio ed avrete trovato dei capi sfruttati meno ed altri più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.