Tecniche di coltivazione del tartufo bianco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il tartufo è un fungo sotterraneo. Come molti altri funghi, il tartufo non è in grado di trarre da solo le sostanze nutritive necessarie per vivere, quindi vive in simbiosi con un'altra pianta: esso riceve queste importanti sostanze dalla pianta, ma contraccambia donando a quest'ultima acqua e sali minerali. Nel nostro paese si sono sviluppate con successo nuove tecniche di coltivazione del tartufo nero e bianchino: è più difficile, invece, avere a che fare col tartufo bianco. Per lui bisogna infatti rispettare tecniche di coltivazione precise, tipo e lavorazione del terreno, la scelta delle piantine da far entrare in simbiosi, una giusta irrigazione e una perfetta manutenzione.

26

Occorrente

  • Terreno coltivabile con precisi requisiti
  • Alcuni arbusti ed erbe per ricreare l'ambiente
36

Micronizzazione

Nella coltivazione del tartufo si prova a ricreare quello che succede spontaneamente in natura, cioè la micronizzazione: si tratta della simbiosi menzionata prima. La tecnica prevede di coltivare in vaso le piantine adatte, e lasciare le proprie radici a contatto con le spore di tartufo favorendo appunto la micronizzazione. Il terreno deve essere scelto in modo preciso in base ai requisiti. Ha bisogno di un terreno molto fertile e, a differenza di quello nero, di specifiche piante: esse non devono mancare per la proliferazione del nostro prodotto. Tra gli arbusti troviamo la sanguinella, il rovo, il ginepro, la rosa canina ed altri; tra le erbe devono esserci le ortiche, i lamponi selvatici, la primula. Inoltre nelle vicinanze devono esserci proprio altri tartufi.

46

Il terreno

Il terreno deve essere predisposto con un'aratura profonda di circa 30-40 centimetri: essa serve per migliorare la struttura regolarizzando i micro e macro pori per la circolazione dell'aria e dell'acqua; inoltre è necessaria per portare in profondità le erbe infestanti. Si prosegue con la fresatura e con lo sminuzzamento del terreno poi, per concludere, si passa alla rullatura per livellarlo. Le piantine micronizzate vengono impiantate nel periodo autunnale, e messe ad una distanza di circa 2 metri sulle file e 5 tra le file; ciò consentirà un ottimo sviluppo delle radici.

Continua la lettura
56

Irrigazione

Bisogna irrigare le tartufaie con alta frequenza; si ricordi che vanno assolutamente impiegate acque contenenti un'alta percentuale di cloro, per far si che si abbia un buon attecchimento e crescita del tartufo bianco. Durante l'anno bisogna agire più volte per rimuovere con cura le erbe infestanti: esse disturbano la crescita del tartufo bianco. Seguendo questo poche e precise regole sarà possibile coltivare con successo il tartufo bianco.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate di rimuovere le erbe infestanti regolarmente, o disturberanno la crescita del tartufo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come ottenere un buon bilanciamento del bianco

Il concetto di bilanciamento del bianco fa riferimento all'arte della fotografia. Questa tecnica viene utilizzata una volta che viene scattata la foto in modo tale da vedere lo stato dei colori e quindi di portare i colori allo stesso modo che vedono...
Altri Hobby

Pittura su porcellana: tecniche

Tutti quanti abbiamo in casa qualche oggetto di porcellana, magari un po' anonimo che potrebbe essere rinnovato e decorato per dare un tocco in più. La porcellana, si sa, è un tipo di ceramica molto pregiata. Esistono in circolazione differenti modelli...
Altri Hobby

Restauro: le principali tecniche di decorazione

Gli oggetti soprattutto quelli antichi, richiedono un restauro adeguato, in modo da preservarne il valore e lo stile. Ogni materiale ha bisogno di una tecnica appropriata, quindi a seconda se si tratta di legno dorato, naturale, bronzo o porcellana....
Altri Hobby

Tecniche fotografiche per le foto panoramiche

Se abbiamo l’hobby della fotografia, ed intendiamo massimizzare il risultato ottenendo delle immagini professionali e quindi di alta qualità, è necessario adottare alcuni accorgimenti, specie se si tratta di foto panoramiche. A tale proposito ecco...
Altri Hobby

Macramè: tecniche di lavorazione base

I tessuti sui quali è più semplice effettuare la lavorazione a macramè sono quelli realizzati in lino. Il macramè rappresenta un'arte molto antica, che veniva praticata fin dal XII secolo dagli Arabi. Per chi non ha una base di ricamo e non possiede...
Altri Hobby

Tecniche per scrivere sulle torte

Siamo felici di offrire una valida guida, ai nostri lettori, che permetterà di realizzare, anche in casa, delle torte veramente fantastiche. Cercheremo di capire insieme quali sono le tecniche, da utilizzare, per scrivere sulle torte e dar vita ad una...
Altri Hobby

Tecniche di invecchiamento degli aeromodelli

Gli aeromodelli sono dei piccoli velivoli o, nel caso di modelli in scala, delle riproduzioni di quelli realmente esistenti. Questi sono divisi in due gruppi fondamentali: volanti e non volanti; questi ultimi sono anche definiti aeromodelli statici, mentre...
Altri Hobby

Tecniche di modellismo dinamico: le basi

Coltivare un hobby è molto importante in quanto ci consente di impiegare in maniera produttiva il proprio tempo libero. Esistono tantissime tipologie di hobby che possiamo avere, in questa guida porremo la nostra attenzione sul modellismo. Più nello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.