Vetro di boemia: tecniche di lavorazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il vetro di Boemia, chi non ha mai avuto modo di ammirarne la trasparenza in suppellettili di produzione artigianale alzi la mano? Splendido vetro-cristallo decorativo e trasparente, i cui resti più antichi ritrovati in Boemia sono datati intorno al XIII° secolo, ha iniziato a diffondersi durante il periodo barocco, nel XVII° secolo. I vetrai boemi si resero conto che mescolando cloruro di potassio con gesso si poteva ottenere un vetro incolore, più stabile di quello italiano. Si può perciò dire che la sua storia ebbe inizio a partire dalle risorse naturali del territorio: nel sottosuolo erano presenti calcare e silice, e la stessa cenere prodotta dal legname usato nei forni di fusione poteva servire a creare potassio. Si scoprì inoltre che questo vetro si poteva lavorare tramite un tornio da vasaio. La facilità con cui poteva essere lavorato, la sua resistenza, la sua grande bellezza hanno contribuito al suo successo e alla conseguente espansione di tale arte vetraria negli anni a venire. Le principali tecniche di lavorazione per la produzione del vetro di Boemia, tramandate nel corso dei secoli, verranno illustrate qui, in questa guida.

25

Usare il metodo della soffiatura

Se si vogliono ottenere oggetti di piccole dimensioni, si è soliti ricorrere al metodo ormai diffusissimo della soffiatura, a sua volta distinto in due tecniche, quella del soffio libero oppure quella in stampo. In entrambi i casi si tratta di portare il vetro al punto di fusione. La parte iniziale dunque è comune, ciò che muta è invece la fase successiva.

35

Utilizzare la tecnica a cilindro

La qualità degli ingredienti è essenziale: per produrre il vetro di Boemia servono anzitutto ottime materie prime, quali le sabbie per vetrerie, dal colore estremamente chiaro o addirittura bianco. Devono contenere quarzo e altri minerali pesanti. All'inizio il vetro di Boemia si produceva semplicemente mescolando la soda e il potassio al vetro. Una prima tecnica di lavorazione, solitamente impiegata nella Lorena, è quella a cilindro; consiste nel far roteare una quantità di pasta di peso compreso tra i 10 e i 20 Kg, finché si ottiene un cilindro lungo circa 50 cm, a cui andranno tagliate le due estremità. Viene poi inciso tramite la punta di un diamante, quindi trasferito in un forno. Sarà da aprire a libro, in modo da ottenere una lastra. Una volta riscaldato nuovamente, va lavorato per conferirgli la forma desiderata.

Continua la lettura
45

Impiegare la tecnica di lavorazione meccanica

In ambedue i tipi di lavorazione, si procederà a nuove fasi di riscaldamento, indispensabili per conferire maggiori dettagli ai contorni dell'oggetto stesso. A seconda del risultato che si vuole ottenere, si potranno aggiungere all'oggetto anche dei piedini, oppure un piedistallo vero e proprio. Un'ulteriore tecnica di lavorazione è rappresentata da quella meccanica, da effettuarsi interamente con l'ausilio delle macchine oppure con l'intervento manuale dell'artigiano in alcune particolari fasi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere attentamente la guida.
  • Questa guida è redatta a solo scopo informativo, perciò chiedete sempre suggerimento a persone esperte nel settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come scegliere il vetro per la lavorazione

La lavorazione del vetro è un'arte antichissima grazie alla quale è possibile realizzare dei manufatti di ottima qualità, essendo il vetro un materiale naturale al 100%. Infatti, le sostanze che lo compongono sono tutte materie prime, come la sabbia...
Materiali e Attrezzi

Come Realizzare Una Dima Guida Per La Lavorazione Al Tornio

La dima è una sorta di calco di un piano che deve essere riprodotto nella realtà nello stesso identico modo. Il lavoro richiede l'uso di particolari strumenti oltre che di specifiche tecniche. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare il legno adatto alla lavorazione del tornio

Nel settore delle produzioni artigianali sono numerose le tecniche con cui è possibile realizzare opere artistiche e strumenti di arredo o utensili dall'uso quotidiano. L'elemento fondamentale per rEalizzare elementi durevoli e di alta qualità ruota...
Materiali e Attrezzi

Come Realizzare Lo Swirl Nella Lavorazione Col Fimo

Vi state avvicinando adesso al mondo dei fimo e desiderate allargare i vostri orizzonti creativi? Allora dovrete assolutamente provare ad effettuare la meravigliosa tecnica dello swirl, con la quale potrete facilmente creare degli oggetti caratterizzati...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare gli utensili per la lavorazione del legno

La lavorazione del legno è un'attività artigianale che porta grande soddisfazione a chi la pratica. I benefici più significativi sono da ricercare nel contatto diretto con un materiale naturale, nelle infinite possibilità di modellazione e nell'acquisizione...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare un vetro

Negli ultimi tempi la lavorazione del vetro sta prendendo sempre più piede sul mercato sia per la crisi economica che per la volontà di inventarsi una nuova professione. Infatti, sempre più persone sono interessate a questo lavoro che ha origini antiche....
Materiali e Attrezzi

Lavorazione del bronzo: fusione e laminatura

L'uso di bronzo risale a più di 5000 anni fa. Questo importante metallo è una lega composta da rame e stagno in proporzione che varia leggermente, ma può essere normalmente considerata in nove parti di rame e una di stagno. Altri ingredienti che si...
Materiali e Attrezzi

Come modellare il vetro

Il vetro è un materiale usato già nei tempi antichissimi a scopo ornamentale: si narra che la sua invenzione fu dovuta a un caso quando alcuni mercanti fenici, nel preparare un fuoco sulla sabbia servendosi di panni di nitro, furono attratti dal formarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.